Vacanze sostenibili, come viaggiare rispettando l’ambiente

Rispetto per l’ambiente e turismo sostenibile sono diventati un binomio inscindibile, soprattutto per chi anche in vacanza continua ad avere comportamenti green, a cominciare dalla scelta della destinazione fino ad arrivare all’attenzione per ciò che si mangia durante il viaggio.

Il tutto si può riassumere in una sola parola: ecoturismo. Questo termine indica il viaggiare in modo responsabile, in luoghi dove l’ambiente viene rispettato e l’attenzione per la natura è massima, senza però dimenticare gli aspetti economici e sociali del luogo che si va a visitare.

DOVE ANDARE? – La sostenibilità di un viaggio inizia già dalla scelta della meta. Programmare bene un viaggio e informarsi sulla destinazione è il primo passo per una vacanza eco-friendly. Tra le capitali europee, ne ricordiamo due particolarmente attente all’ambiente: Stoccolma, che ha vinto il titolo di Capitale Verde d’Europa nel 2010, e Amsterdam, che sta puntando a eliminare le automobili all’interno del centro storico.

Volendo scegliere destinazioni esotiche, come ad esempio Messico, Kenya o Thailandia, è importante privilegiare strutture nate in un’ottica di turismo sostenibile, che offrono ai propri ospiti una vacanza ecologica e vicina alla natura, che utilizzano le risorse nel rispetto dell’ambiente – ricorrendo per esempio ad energia solare, alla riduzione dei rifiuti e la depurazione dell’acqua – che garantiscono salari equi ai loro dipendenti, con una forte ricaduta positiva sull’economia locale.

UTILIZZARE BIGLIETTI DIGITALI – Una buona pratica per rispettare l’ambiente è evitare di stampare biglietti e documenti di viaggio, preferendo le versioni digitali. Si scaricano facilmente sullo smartphone ed è possibile avere tutto a portata di mano con una notevole riduzione dello spreco di carta.

NON SPRECARE – Anche in vacanza è importante ridurre al minimo il consumo di elettricità e di acqua, soprattutto nei paesi in via di sviluppo dove le risorse energetiche sono ancora scarse. Tra i comportamenti da adottare, utilizzare il meno possibile l’aria condizionata, o comunque tenerla al minimo, evitare di farsi cambiare lenzuola e asciugamani tutti i giorni, spegnere le luci quando si lascia una stanza e evitare di restare a lungo sotto la doccia. Tutte queste azioni, infatti, hanno un elevatissimo impatto ambientale.

EVITARE LA PLASTICA MONOUSO – La plastica usa e getta, già messa al bando in molte località turistiche, è da evitare privilegiando una borraccia riutilizzabile, preferibilmente in alluminio, e i sacchetti di carta per riporre i propri acquisti.

PREFERIRE LA GASTRONONIA LOCALE – Una parte fondamentale del viaggio è quella legata ai sapori e alle tradizioni culinarie del posto. Per questo, è bene scegliere prodotti locali, assaggiare le specialità del posto e preferire cibo e bevande autoctone.

SPOSTARSI IN MANIERA ECOLOGICA – La scelta consapevole dei mezzi di trasporto è il primo passo da compiere. Via libera, quindi, all’utilizzo dei mezzi pubblici o del bike sharing a sfavore dell’automobile. Alcuni enti turistici locali vanno incontro ai viaggiatori e propongono interessanti itinerari per scoprire le città esclusivamente camminando.

SUPPORTARE I PRODUTTORI LOCALI – Buona regola è acquistare prodotti dell’artigianato locale, evitando oggetti prodotti per il turismo di massa, e soprattutto non comprare souvenir con animali o piante protette (ad es. conchiglie o legni tropicali intagliati).

ATTENZIONE A NON LASCIARE RIFIUTI – Dove è possibile e praticata, è importante fare la raccolta differenziata, o comunque non bisogna lasciare rifiuti in giro quando si visita una località.

Ognuno di noi ha la responsabilità di proteggere l’ambiente e salvaguardare la natura, promuovendo un turismo sostenibile. Ogni azione, anche la più piccola, può contribuire al risparmio di risorse, alla diminuzione dello sfruttamento naturale e quindi alla riduzione dell’impatto ambientale.