Vecchi pozzi petroliferi diventano batterie per le energie rinnovabili

I ricercatori vogliono convertire i pozzi di petrolio e gas inattivi in batterie d'accumulo per l'energia eolica e solare

272

Cosa succede ai pozzi petroliferi una volta esauriti? La risposta, afferma l’Università della California del Sud, è “ben poco”. I proprietari devono sigillarli in maniera sicura, facendosi carico delle operazioni di pulizia e decontaminazione del suolo. Altre volte, i produttori semplicemente se ne vanno, lasciando alle agenzie statali la responsabilità di adottare le necessarie misure di decommissioning.

È per questo che il professor Iraj Ershaghi dell’Università del Sud della California ha escogitato un modo innovativo “per prendere inattivi questi pozzi che potrebbero rappresentare rischi ambientali e trasformarli in qualcosa di prezioso”.

L’idea è convertire i pozzi di petrolio e gas inattivi in ​​condotti per lo spazio di stoccaggio sotterraneo necessario per energia solare ed eolica. Ciò potrebbe aiutare a prevenire futuri blackout in California e migliorare la sicurezza energetica della nazione.

“È un peccato abbandonare questi pozzi perforati a costi elevati quando potremmo usarli per qualcosa di cui il paese ha bisogno: lo stoccaggio di energia nel sottosuolo – ha detto Ershaghi. Ciò avrà un impatto enorme in termini di sicurezza ambientale, di sufficienza energetica e di stoccaggio. Puoi trasformare un potenziale problema in un’opportunità”.

Per trasformare i pozzi inattivi in ​​depositi sotterranei, un’azienda verserebbe cemento lungo i tubi per sigillare i serbatoi di petrolio e gas. Un sensore vicino alla parte superiore verrebbe aggiunto per rilevare eventuali perdite dannose e le perforazioni consentirebbero l’accesso alle falde acquifere saline di minore profondità.

L’energia sostenibile creata dai pannelli solari e dalle pale eoliche posizionati vicino ai pozzi inattivi verrebbe convertita in aria ad alta pressione da un compressore. L’aria viaggerebbe attraverso i tubi verso falde acquifere saline sotterranee, o sabbie umide poco profonde, tra 300 e 2500 metri sotto la superficie. Queste sabbie bagnate possono immagazzinare enormi quantità di energia pulita.

L’aria pressurizzata rimarrebbe stoccata a questo livello fino al momento del bisogno, per poi essere rilasciata e produrre elettricità tramite turbine a gas. “Se espandi questo progetto in tutta la California e in altri luoghi, avrai questi enormi siti di stoccaggio geologico a cui potresti accedere in caso di blackout”.

A livello nazionale, l’Energy Information Administration prevede che i produttori di petrolio e gas potrebbero inutilizzare fino a 15.000 pozzi in California e 300.000 negli Stati Uniti nel prossimo decennio. Sebbene non tutti possano essere utilizzati per lo stoccaggio nel sottosuolo, molti potrebbero essere trasformati. Un singolo pozzo potrebbe immagazzinare almeno 5 megawatt di energia nelle spesse formazioni di arenaria sotto la superficie, mentre un giacimento di petrolio o gas in pensione potrebbe contenere migliaia di megawatt. Un megawatt equivale a un milione di watt. Per fare un confronto, una tipica lampadina va da 40 a 100 watt.

“Penso che questo sarebbe un bene per i proprietari di pozzi di petrolio e gas, che non dovrebbero affrontare le grandi spese dell’abbandono totale e potrebbero effettivamente ricevere potenziali royalties per fornire i loro pozzi per i siti di stoccaggio”, ha detto Ershaghi. “Anche le utility, che hanno un disperato bisogno di rispettare le scadenze per soluzioni energetiche alternative, e trovare soluzioni di stoccaggio praticabili, ne trarrebbero vantaggio, così come l’intera economia. Questo è un vantaggio per tutti”.

Iscriviti alla newsletter