Forest bathing, immergersi nel verde delle Oasi del Respiro

Il Cratere degli Astroni (NA), le Gole del Sagittario (AQ) e la Riserva naturale dei Ghirardi (PR) saranno le prime oasi WWF dove poter praticare il forest bathing, disciplina che sta avvicinando sempre più le persone alla natura e ai suoi benefici per il benessere fisico e mentale, un’esperienza sensoriale immersiva che ricerca nel contatto con la natura, la chiave per ritrovare l’armonia del corpo con l’ambiente.

178
© WWF

Quest’anno il brand torna al fianco del WWF, con cui aveva collaborato per oltre un decennio con Golia Bianca. L’obiettivo è quello di sostenere il sistema delle Oasi WWF Italia, che rappresentano un importante progetto di conservazione della natura – dove si svolgono attività di tutela di habitat e specie, attività educative, di ricerca, di turismo sostenibile – e creando le prime vere e proprie “Oasi del Respiro”. Il Cratere degli Astroni (NA), le Gole del Sagittario (AQ) e la Riserva naturale dei Ghirardi (PR) saranno, infatti, le prime oasi WWF dove poter praticare il forest bathing, disciplina che sta avvicinando sempre più le persone alla natura e ai suoi benefici per il benessere fisico e mentale. Grazie al supporto di Golia sta nascendo una rete qualificata dai migliori enti attivi in materia di forest bathing, come Aimef – Associazione Italiana Medicina Forestale Forestale, per svolgere al proprio interno le attività, formando operatori specializzati e realizzando percorsi specifici all’interno delle aree.

Con l’espressione “forest bathing”, letteralmente bagno di foresta, si intende una pratica originaria del Giappone chiamata “Shinrin- yoku”: si tratta di un’esperienza sensoriale immersiva che ricerca nel contatto con la natura, la chiave per ritrovare l’armonia del corpo con l’ambiente. Attraverso i cinque sensi e grazie alle sostanze organiche rilasciate dagli alberi che noi respiriamo, si crea una connessione profonda con la natura circostante. Durante un bagno di foresta, si è incoraggiati a respirare profondamente l’aria fresca, ad ascoltare il canto degli uccelli e il suono delle foglie mosse dal vento, a toccare la corteccia degli alberi e a immergersi nella quiete e nella bellezza della natura. Questa esperienza permette di rallentare il ritmo frenetico della vita quotidiana, ridurre lo stress, migliorare l’umore e aumentare la sensazione di calma e serenità.

“Siamo orgogliosi di poter proseguire il nostro impegno nella salvaguardia dell’ambiente con un partner d’eccezione come WWF. Il progetto, sviluppato a quattro mani, parte dall’importanza del respiro, valore imprescindibile per il nostro brand Golia. Quale migliore opportunità se non le Oasi del Respiro per promuovere il beneficio di respirare in armonia con la natura grazie alla pratica del forest bathing. Con il know how e l’expertise di WWF queste Oasi consentiranno infatti a tutti i visitatori la possibilità di prendersi cura non solo dell’ambiente ma anche di sé stessi. In un’epoca in cui il ritmo della vita è sempre più frenetico e la tecnologia domina le nostre giornate, il forest bathing ci invita a rallentare, ad abbracciare il silenzio e a cogliere la bellezza intorno a noi. Non dobbiamo dimenticare che siamo parte integrante dell’ecosistema naturale e che il nostro benessere dipende dalla sua conservazione.” commenta Simona Zanaletti, Senior Marketing Manager di Perfetti Van Melle.

Le conseguenze positive del forest bathing su corpo e mente sono state ampiamente documentate nella letteratura scientifica e numerosi studi suggeriscono come l’esposizione alle foreste sia associata a una vasta gamma di benefici, come potenziare le nostre difese immunitarie, migliorare l’umore, regolare il sistema cardiovascolare, abbassare il colesterolo, e non ultimo ridurre lo stress e ansia. “Oggi viviamo in una realtà estremamente complessa, in cui tutto è interconnesso. Esseri umani, piante ed animali condividono lo stesso Pianeta, gli stessi ecosistemi e le stesse risorse. La natura ci fornisce i cosiddetti servizi ecosistemici, che includono per esempio la produzione di cibo, la disponibilità di acqua potabile e aria pulita, ma anche funzioni e processi fondamentali come l’assorbimento degli inquinanti, il benessere psicologico, il controllo delle malattie, elementi alla base della nostra esistenza. – aggiunge  Marco Galaverni, Direttore Programma e Oasi del WWF Italia – Il benessere legato al contatto con la natura inizia già dal giardino sotto casa e a maggior ragione in queste Oasi del Respiro, un motivo in più per tutelare ancora meglio – e restaurare laddove necessario – gli ecosistemi forestali in ogni angolo del Pianeta, che ci garantiscono decine di funzioni essenziali per la nostra esistenza: dall’ossigeno che respiriamo al contrasto della crisi climatica, da princìpi medicinali a luoghi di cultura e spiritualità, aiutandoci a riscoprire la nostra natura”

I percorsi naturali creati nelle Oasi del WWF, accessibili a tutti indipendentemente dall’età o dalla forma fisica, aiuteranno a raggiungere l’importante obiettivo di rendere possibile un mondo in cui gli esseri umani e la natura vivano in armonia, è un’opportunità per staccare la spina dal caos cittadino, liberare la mente dalle preoccupazioni quotidiane e riconnettersi con proprio respiro e quello dell’habitat circostante in modo autentico e profondo.

Iscriviti alla newsletter