Energia eolica da vibrazione, il potere del vento senza pale

La tecnologia è stata sviluppata dalla start-up spagnola Vortex Bladeless e promette di rivoluzionare il mondo delle energie rinnovabili

Generare energia pulita con maggiore efficienza e meno costi. È questo l’obiettivo di Vortex Bladeless, la start-up spagnola che ha brevettato Vortex Tacoma, una tecnologia innovativa nell’ambito delle energie rinnovabili. Si tratta di una particolare turbina in grado di catturare la forza del vento e trasformarla in elettricità. La turbina infatti non raccoglie l’energia tramite il movimento delle pale, ma grazie alle vibrazioni che col vento creano dei vortici, quello che tecnicamente si definisce fenomeno aerodinamico della vorticità. Secondo i primi studi, Vortex Tacoma risulta fino al 60 per cento più potente rispetto ai dispositivi tradizionali e promette di rivoluzionare il mondo dell’energia pulita.

L’idea è venuta a David Yanez, CEO dell’azienda, nel 2012 dopo aver visto un video del ponte di Tacoma (nello stato di Washington) che oscillava nel vento. “La nostra storia come startup è iniziata in quel momento – racconta – e da allora abbiamo lavorato molto duramente per anni. Non è stato facile partire, una nuova tecnologia è sempre difficile da sviluppare, anche se siamo molto vicini al raggiungimento del nostro obiettivo”.

Yanez e i suoi collaboratori si sono messi a lavoro per creare il prototipo di uno strumento in grado di emettere energia eolica attraverso la vibrazione e nel 2014 ci sono riusciti. Vortex è una turbina eolica verticale, sottile e cilindrica. È costituito da una base fissa in cui il dispositivo è ancorato a terra e una parte flessibile che si erge verso l’alto e interagisce liberamente con l’aria creando un movimento oscillatorio.

Il mercato a cui Vortex si rivolge è quello residenziale o rurale con sistemi a basso consumo energetico. I test effettuati, infatti, hanno dimostrato che il sistema, alto 2.75 metri, rende meglio in ambiente urbano, dove il vento raggiunge velocità medie.

Stando ai dati forniti dall’azienda, la turbina è in grado di immagazzinare il 40 per cento del vento e di emettere una potenza di 100 w una volta installata. Inoltre, i costi della manutenzione sono dell’80 per cento in meno rispetto ai sistemi di energia eolica in circolazione in quanto Vortex Tacoma all’interno presenta soltanto un alternatore che trasforma l’energia in elettricità.

Il prossimo step dell’azienda è quello di esportare questa innovativa tecnologia fuori dalla Spagna grazie al finanziamento di 80 miliardi di euro ottenuto nell’ambito del programma H2020 della Commissione europea per lo sviluppo del progetto, che l’anno prossimo verrà lanciato sul mercato.