In viaggio sul divano: in giro per il mondo con l’italiana Sto Gran Tour

Dall'Islanda al Giappone, dal Marocco alla Birmania, un tour virtuale di sette giorni che abbatte i confini e attraversa i continenti

917

L’emergenza Covid-19 sta mettendo a dura prova le nostre vite e la normalità sembra un sogno insperato. È necessario per la nostra mente riuscire a trasformare il tempo che scorre in qualcosa di positivo ed emozionante, che ci faccia sentire vivi e pieni di tranquillità e di speranza. Perché, anche se oggi ci sembra distante, arriverà il momento in cui potremo riabbracciare le nostre esistenze e ritornare a godere della natura e del mondo in assoluta libertà.

Le pareti di casa possono davvero diventare dei limiti insopportabili, ma la nostra mente deve essere più forte e saper superare scale, portoni, strade e palazzi; non esiste confine per la nostra immaginazione e possiamo arrivare in ogni luogo riuscendo a mantenere il sorriso e godendo di attimi di vera meraviglia e pace.

E se vogliamo possiamo anche viaggiare e andare lontano. Come? Mi invento un viaggio perché, anche se non mi alzo dal divano, posso muovermi con il pensiero e con l’immaginazione. È questa l’idea della Travel BOOM Factory italiana Sto Gran Tour, facilmente raggiungibile sul sito a questo indirizzo.

La Travel Boom Factory è un laboratorio nel quale la combinazione tra creatività, viaggi e contenuti multimediali, dà vita ad una formula di turismo innovativo e del tutto rinnovato: un turismo digitale. Partendo dai propri progetti di viaggio e dalle diverse spedizioni, Sto Gran Tour crea video racconti e documentari con toni gioiosi e irriverenti per grandi emittenti televisive e per le migliori piattaforme web. ​I viaggi sono rigorosamente effettuati utilizzando mezzi di trasporto lenti – Tuk Tuk, ape, biciclette, ma anche 4×4 tendati – che non superano i 50 km orari e che permettono di osservare davvero i luoghi che si attraversano.

L’obiettivo è creare un circolo perfetto che parte dallo schermo e atterra nella realtà, nel quale l’utente da spettatore diventa anche lui protagonista. Chiunque lo desideri potrà infatti partire e vivere le stesse indimenticabili avventure guardate in tv o sul web: entrare a far parte di equipaggi, guidare mezzi di trasporto, campeggiare nei deserti e prendere decisioni sul percorso da seguire.  L’utente si trasforma da semplice “follower” in vero attore del proprio tempo e della propria storia. 

Per la presente circostanza, Sto Gran Tour ha pensato di creare degli itinerari virtuali a costo zero da fruire direttamente da casa. Seguendo la buona norma dell’#iorestoacasa, attraverso una semplice iscrizione che si attiva premendo sul tasto PARTI, lo spettatore può decidere di iniziare un meraviglioso percorso in 7 giorni, senza muoversi minimamente dal divano. Infatti, come dicono gli organizzatori, il viaggio non ha nessun costo, ma il divano è l’unica cosa da avere in dotazione!

Dal 16 al 22 marzo l’itinerario è questo: il primo giorno si va in Islanda tra vulcani e deserti di ghiaccio, carne di squalo e cascate in un’ora piena di video e racconti; seconda tappa è il Giappone da Nord a Sud tra video e 6 episodi di racconti. Il terzo giorno ci si ritrova direttamente in Sri Lanka, poi negli altri giorni in Namibia, in Marocco e in Nuova Zelanda, nella giungla della Birmania e in Mongolia fino a terminare il tour in Senegal.

Ogni giornata termina con una diretta dai salotti d’Italia per condividere esperienze, curiosità ed emozioni. Come dei veri compagni di viaggio, ci si conosce e si scambiano sensazioni e pensieri, in un grande gruppo virtuale di amanti dell’avventura.

Un ottimo modo per stare in viaggio rispettando le norme e rimanendo a casa e un ottima soluzione per stare in compagnia senza avere contatti reali! In attesa di poter uscire fuori a respirare un nuovo mondo, che sicuramente ci apparirà più vivido e più vero, possiamo viaggiare in lungo e in largo e con tanti amici grazie al turismo digitale. Non resta che registrarsi, preparare la propria valigia di emozioni e desideri e aspettare la partenza.