Fiat 500 elettrica, la nuova auto italiana a basse emissioni

Il primo tassello di FCA per la trasformazione del settore automotive italiano verso un domani a basse emissioni

489
Foto dal sito fiat.it

Non solo un’automobile ma un’icona di stile. È la Fiat 500 che, dal suo lancio sul mercato nel 1957, ha conquistato generazioni di italiani e non solo. Da allora, la tecnologia automobilistica si è evoluta e si guarda a un futuro sempre più elettrificato per rispettare le esigenze dell’ambiente e la necessità di ridurre le emissioni. In questa ottica, anche FCA è pronta alla svolta green e ha presentato la nuova generazione di Fiat 500 completamente elettrica, proposta nella versione di lancio “la Prima” in variante berlina e cabrio.

La 500 elettrica è stata presentata dai vertici di FCA al capo dello Stato Sergio Mattarella. All’evento, svoltosi al Quirinale, hanno partecipato John Elkann, presidente di FCA, Pietro Gorlier, responsabile delle attività europee, e Olivier Francois, presidente del marchio Fiat. Nel pomeriggio, il nuovo cinquino è stato poi mostrato anche al premier Giuseppe Conte, che ha twittato: “Una icona italiana abbraccia la transizione energetica”.

La Fiat 500 elettrica è equipaggiata con un motore elettrico da 87 kW (118 CV) che consente la velocità massima di 150 km/h (autolimitata) e una accelerazione 0-100 km/h in 9 secondi. È alimentata da una batteria agli ioni di litio da 42 kWh e consente un’autonomia fino a 320 km con ciclo Wltp che può arrivare fino a 400 km nel traffico cittadino. Per quanto riguarda la ricarica, la 500 elettrica è equipaggiata con un sistema fast charger con una potenza massima in entrata di 85 kW che consente di ripristinare 50 km di autonomia in soli 5 minuti e l’80% della capacità massima in 35 minuti.

Sebbene non sia stato ancora comunicato il consumo energetico della 500 elettrica, si può ipotizzare un valore compreso tra i 13,1 e i 10,5 kWh/100 km, utilizzando i dati sulla capacità della batteria e il numero di km percorribili secondo il ciclo Wltp e nell’uso cittadino.

Le forme della 500 elettrica rimangono simili a quelle delle sorelle ad alimentazione tradizionale nonostante l’aumento delle dimensioni della carrozzeria. La lunghezza, infatti, è di 3,61 (4 centimetri in più), la larghezza di 1,69 (6 centimetri in più) mentre il passo misura 2,32 metri (2 centimetri in più). Il vano bagagli invece è di 185 litri come quello proposto nella versione endotermica.

La presentazione della nuova 500 elettrica è stata l’occasione per FCA di sottolineare nuovamente gli impegni presi sul fronte degli investimenti in Italia e della “trasformazione del settore automotive italiano verso un futuro a basse emissioni, alimentato da veicoli ibridi ed elettrici e sempre più connessi”.

Con “la Prima”, Fiat si mostra al passo con i tempi, presentandosi come simbolo di positività e ripartenza in ottica green, puntando su una nuova dimensione di mobilità urbana elettrica e sostenibile. Ridurre le emissioni, rendere gli spostamenti in città più ecofriendly e, contemporaneamente, offrire un prodotto che si candida a diventare la nuova icona del lifestyle italiano è la mission della Fiat che scommetta ancora una volta sulla 500.

Già dal suo esodio sul mercato, ben 63 anni fa, la 500 si è imposta come un fenomeno di costume. Se allora ha dato vita alla mobilità di massa, oggi si candida a diventare il simbolo italiano dell’auto sostenibile, connessa e autonoma, soprattutto in un momento di forte crisi del settore.