L’ambiente protagonista del Premio Nazionale Alberoandronico

Si potrà partecipare con opere di poesia, narrativa, fotografia, cortometraggi e pittura

637

Ambiente e vivere sostenibile al centro del Premio Nazionale Alberoandronico, giunto alla 14esima edizione, che abbraccia varie discipline tra cui poesia, narrativa, fotografia, cortometraggi e pittura.

Un Premio che ha ormai assunto il carattere dell’internazionalità e si avvale di una Giuria particolarmente importante di cui fanno parte poeti e scrittori di fama nazionale, giornalisti delle più importanti testate stampa e tv, fotografi professionisti, registi e personalità del mondo della cultura, dello sport e dello spettacolo, che svolgono l’opera di valutazione esclusivamente su base volontaria.

Quest’anno, per la sezione di “lingua italiana” c’è la possibilità di presentare un’opera inedita in poesia o in prosa sul tema: “La strada, la casa, la città, l’ambiente: costruire e vivere il territorio”. Questo a dimostrazione di quanto la relazione con l’ambiente e la natura sia indispensabile per dare vita a centri urbani sostenibili.

Quella del Premio nazionale Alberoandronico è un’iniziativa proposta essenzialmente per stimolare e valorizzare la lingua italiana. Un appuntamento per tutti coloro che si vogliono misurare in una vera competizione improntata alla massima trasparenza, partecipando ad una manifestazione che ha come unico obiettivo la valorizzazione delle eccellenze e la ricerca del giusto spazio per gli autori.

Un evento che si sta imponendo come vetrina culturale per talenti di tutte le età, capaci di esprimersi attraverso la poesia, la narrativa, la fotografia, il cortometraggio, la pittura e la scrittura di testi per una canzone.

Dal 2009 al 2014 l’Associazione Alberoandronico ha ricevuto ogni anno una medaglia quale premio di rappresentanza da parte dell’allora Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

È possibile partecipare al concorso inviando la propria opera via mail o via posta entro il 30 settembre 2020. Per maggiori informazioni clicca qui.