Couperose, cos’è e come prevenirla con cosmetici naturali

La couperose è un inestetismo del viso che colpisce molte persone con pelle sensibile. Vediamo insieme cause, prevenzione e rimedi cosmetici naturali

168

La couperose è una lesione cutanea che si presenta con micro dilatazioni ai vasi sanguigni superficiali dovuti a problemi vascolari, che colpiscono tutte le zone del corpo ma specialmente il volto con un accentuato rossore. La couperose si manifesta maggiormente nelle persone con pelle sottile, sensibile e facilmente irritabile. È più frequente nelle donne oltre i trent’anni di età, ma si può riscontrare anche negli uomini.

Le cause sono molteplici, oltre a una predisposizione genetica, l’alterazione del microcircolo può essere determinata anche da una frequente e prolungata esposizione ai raggi solari e ai repentini cambi climatici (caldo- freddo), la si osserva infatti più frequentemente nelle persone che svolgono lavori all’aperto.

Anche l’eccesso di alcool, il fumo, il consumo di alimenti eccitanti e la carenza di alcune vitamine (vitamina C), possono facilitare la comparsa della couperose.

Se non adeguatamente trattata il rischio è che il fenomeno manifesti un’evoluzione dei processi infiammatori con episodi sempre più frequenti e che quindi la couperose da transitoria si cronicizzi in fenomeno stabile trasformarsi in una patologia dermatologica più grave detta Acne rosacea.

Il problema della couperose non è sinonimo di una malattia, bensì è un inestetismo provocato dalla dilatazione dei capillari con la tendenza a manifestarsi nel tempo senza scomparire mai del tutto. Tuttavia, esistono alcuni rimedi che possono migliorare complessivamente l’aspetto del viso, con risultati sempre più duraturi nel tempo.

Trattamenti cosmetici delicati contro la rosacea e la cuperose

L’utilizzo dei giusti, e idonei, cosmetici nella beauty routine aiuterà in maniera sorprendente la pelle del nostro viso. Innanzi tutto dobbiamo capire che avendo una pelle del viso particolarmente sensibile la temperatura dell’acqua quando laviamo il viso deve essere esclusivamente tiepida.

Devono essere banditi tutti i prodotti che contengano alcool in quanto su una pelle particolarmente fragile e delicata, e spesso sottile, l’alcool può provocare una blanda irritazione che nel caso specifico si trasformerebbe in un aumento del rossore e della trama capillare.

Dove possibile evitiamo prodotti schiumogeni per la pulizia del viso e optiamo per un’acqua micellare a base di estratto vegetale di fiordaliso. I flavonoidi e gli antociani degli estratti dal fiore “blu” del fiordaliso sono decongestionanti, mentre le pectine trattengono l’acqua sulla pelle: per questo è ideale per le pelli sensibili. Ovviamente, come abbiamo sottolineato più volte, gli estratti vegetali non devono essere glicolici (quindi niente Propylene Glycol nell’INCI) ma bensì acque distillate della pianta o glicerici.

Per la crema protettiva e lenitiva adatta alla pelle del viso sarebbe opportuno sceglierne una senza profumo. Sempre più spesso si tende a profumare i cosmetici direttamente con le piante; vi ricordo sempre che le piante sono vive e quindi potenzialmente allergizzanti: leggere bene gli INCI dei prodotti con particolare attenzione agli allergeni. La crema dovrebbe contenere estratti vegetali di lavanda (lenisce la pelle arrossata), mirtillo (protegge i capillari fragili), iperico (contrasta secchezza e infiammazioni), amamelide (decongestionante, ottima anche sulle scottature solari) e arricchita da sostanze idratanti come gel di aloe vera, oli e burri vegetali (mandorle dolci, girasole, karité, cera di riso).

Alternativamente alla crema possiamo utilizzare del siero, con le stesse proprietà e ingredienti della crema; se però necessitiamo di maggiore idratazione possiamo sostituire la crema con un olio viso. È possibile approfittare della sua applicazione per fare un massaggio con delle leggere pressioni delle dita, dai lati del naso verso la parte esterna del viso e poi verso il basso, alla base del collo, così da aiutare il microcircolo.

Argilla prezioso alleato della tua pelle

Una volta alla settimana, per una pulizia più profonda, è consigliabile fare una maschera viso. In senso assoluto sono da utilizzare quelle a base di argilla, dalle note proprietà detossinanti, utilizzata anche per lenire le irritazioni della pelle. Esistono diversi tipi di argilla: le più famose sono quella verde, indicata soprattutto in caso di pelle impura, e quella bianca, la più delicata in assoluto. È possibile acquistare l’argilla sfusa in erboristeria e creare una maschera in casa a Base di argilla e decotto di camomilla, oppure optare per un prodotto confezionato che la contenga tra gli ingredienti. Da evitare assolutamente prodotti che contengano Alfa Idrossiacidi (meglio conosciuti come acidi della frutta).

Se come base trucco viene regolarmente usato un fondotinta, anche per la sua capacità di “nascondere” il rossore, consiglio un prodotto con un’azione antiossidante e protettiva con estratto di zafferano (famoso proprio per contrastare il processo di invecchiamento), pomodoro, bacche di Goji e fiori di verbasco, che hanno anche azione illuminante.

Per la stagione primaverile e, soprattutto, quella estiva è necessario preparare la pelle del viso a ricevere un maggiore irraggiamento solare sia con una adeguata alimentazione sia con cosmetici ad azione protettiva contenenti filtri solari. Ovviamente questo discorso vale per tutta la pelle del corpo ma soprattutto per chi ha segni di fragilità capillare che con l’abbronzatura diventano meno visibili solo per una questione cromatica.

Cosa mangiare per prevenire la couperose

© Anna Pelzer on Usplash

Come sempre l’alimentazione, cioè la qualità della benzina per il nostro motore, è fondamentale per prevenire e lenire gli effetti antiestetici della couperose. Spesso capita di osservare sul viso evidenti rossori e tracce di couperose dopo un pasto abbondante, magari un poco più saporito del solito. Niente di allarmante ma esiste una correlazione tra il cibo e gli effetti che questo abbia sulla pelle, in particolare quella del viso. Una corretta alimentazione dovrebbe prevedere il consumo sistematico dei seguenti cibi:

  • Verdure: come in ogni dieta, anche in questo caso non devono mancare le verdure, che apportano molteplici vitamine e nutrienti al nostro organismo. Evitare, però, spinaci, pomodoro e avocado;
  • Fibre: aiutano a liberarsi di una maggiore quantità di tossine; ne trarrà beneficio la pelle, per cui la couperose migliorerà di conseguenza. La troviamo in pasta o riso integrale, nella quinoa e nel grano intero;
  • Carni magre: il pollo e il pesce sono ottimi per la couperose, poiché sono salutari e contengono basse quantità di grassi; per questo motivo, aiutano a tenere sotto controllo il calore dell’organismo. Il calore, infatti, è uno degli agenti attivatori degli inestetismi della couperose;
  • Omega 3: gli alimenti ricchi di omega 3, tra cui il pesce, hanno una funzione antinfiammatoria che favorisce la riduzione del rossore. Potete consumare noci, salmone, sgombro o germe di grano;
  • Frutti di bosco: i mirtilli, le ciliegie e le more svolgono una funzione vasocostrittrice. Tale funzione favorisce il rinforzarsi delle pareti dei vasi sanguigni;
  • Cipolla e aglio: condire o accompagnare i pasti con cipolla e aglio permette di preservare la salute intestinale e di mantenere il flusso sanguigno privo di tossine;
  • Prodotti ricchi di vitamina A: questa vitamina è fondamentale per il benessere della nostra pelle. La carota, la papaia, la carota e il melone sono ricchi di questo elemento.
Iscriviti alla newsletter


Sostieni SmartGreen Post con una donazione!