Come scegliere una crema viso idratante e naturale per l’inverno

Prenditi cura della tua pelle con una crema idratante a base naturale. Ecco come scegliere quella più adatta a te

74

I rigori dell’inverno sono sicuramente il nemico principale della pelle del viso. Quando la temperatura si abbassa si abbassano anche le difese dell’epidermide, che progressivamente perde acqua, lipidi e altre sostanze nutrienti. Lo strato di grasso che normalmente protegge la cute e la mantiene compatta si assottiglia esponendola all’azione degli agenti esterni come vento e freddo.

Se l’epidermide non è più intatta tenderà a lasciare uscire acqua a disidratarsi. Questa condizione di sofferenza si ripercuote anche profondità nel derma (lo strato sotto l’epidermide): i fibroblasti, produttori di collagene, elastina e acido ialuronico, che vivono in presenza d’acqua, saranno meno produttivi. Anche il microcircolo, sistema di piccoli vasi capillari, non funzionerà in maniera ottimale perché i vasi sono meno elastici e perché il sangue tenderà a concentrarsi verso gli organi interni e meno in periferia. Il risultato è una pelle particolarmente secca, meno elastica e talvolta persino pruriginosa perché si screpola a causa dello strato lipidi alterato.

Come pulire ed esfoliare la pelle

Per aiutare la pelle del viso partiamo dalla pulizia: optiamo per l’uso dell’acqua in abbinamento a un sapone con un pH adatto al nostro tipo di pelle: 5.5 – 6 se pelle normale o secca, 5.0 – 5.5 se pelle grassa. La scelta del sapone deve essere fatta tenendo conto che i saponi vegetali (tipo marsiglia) hanno la tendenza a virare il pH verso l’alto a contatto con l’acqua mentre i saponi sintetici (syndet tipo saponi allo zolfo farmaceutici) mantengono il pH stabile a contatto con l’acqua.

Una doverosa precisazione va fatta sui saponi sintetici: di solito sono a base di SLS o SLeS quindi ciò che molto spesso si trova negli shampoo e bagnoschiuma. Una valida alternativa alla saponetta sono i saponi liquidi con una base detergente eco-sostenibile derivata dal cocco o dallo zucchero e arricchiti di oli vegetali tipo Mandorle Dolci o Argan.

Per struccarsi la scelta del prodotto, latte detergente o acqua micellare, deve essere fatta secondo il grado di soddisfazione, a livello di pulizia, che vi rende uno o l’altro cosmetico. Chiaramente durante l’inverno e, ancor di più, in caso di pelle secca è da preferire il latte detergente.

Per ridare il corretto splendore alla pelle, eliminare le cellule morte, rinnovare lo strato epidermico superficiale, liberare i pori dalle impurità è importante garantirsi un’esfoliazione delicata scegliendo di procedere con un gommage viso al posto della classica maschera di pulizia o dello scrub.

Un gommage viso andrebbe fatto con una cadenza settimanale, ma nel caso di pelle particolarmente sensibile meglio optare per un trattamento ogni 10/15 giorni. Il gommage viso è perfetto per le pelli miste e grasse, ma si rivela ottimale anche in caso di pelli secche.

Idrata la pelle con creme naturali

Ora la pelle è pronta per assorbire totalmente ogni tipo di trattamento in crema o in siero, meglio se effettuato la sera perché dopo il trattamento non si può procedere con il make-up ed è consigliato non esporsi ai raggi del sole.

Nelle creme viso si nota quanto sia potente la natura. Di tutti i prodotti cosmetici green, le creme viso sono quelle che hanno scavato il solco più profondo tra loro e le “gemelle chimiche”, dimostrando in termini di efficacia quanto siano superiori e soprattutto senza controindicazioni.

Per un’idratazione profonda abbiamo bisogno di una crema ricca dal punto di vista della fase grassa. Ciò non vuol dire che la crema sia grassa, anzi il contrario. Tutte le creme a base di oli e burri vegetali sono perfette. Burro di Karité, Burro di Cacao, Cera d’Api (per i non Vegani), Cera di Mimosa, Cera di Riso, Cera di Jojoba, Olio di Enotera, Olio di Crusca di Riso, Olio di Mandorle Dolci sono i preziosi alleati della pelle del nostro viso.

Tutte queste sostanze nutrono in profondità la pelle per idratazione diretta e non per effetto rebound. Le sostanze “gemelle chimiche”: siliconiche e paraffiniche tendono a chiudere i pori in modo che, diminuendo la traspirazione, la pelle del viso sembri più idratata. Le conseguenze di questi cosmetici sono la formazione di punti neri e/o brufoli oltre un’eccessiva secchezza nel momento in cui smettiamo di usarle.

Anche in questo caso, come in precedenza, deve essere fatta una doverosa precisazione. Le “gemelle chimiche” si prestano in maniera eccezionale a essere applicate la mattina in quanto funzionano come base trucco: la maggior dei fondotinta contiene siliconi, paraffina e altre sostanzi simili. Diversamente una crema “naturale” applicata la mattina può essere una fastidiosa base perché tende a far “scendere” il trucco.

Per ovviare al problema, la mattina possiamo usare una crema a base di cera di riso, che è sicuramente tra le più leggere basi vegetali, arricchita con estratti glicerici di rosa canina e camomilla per proteggere e idratare la pelle durante il giorno. Una crema simile va benissimo anche come base per il trucco. In alternativa un siero che ha una base acquosa con alte concentrazioni di principi attivi. Essendo una base acquosa, una volta assorbito non interferirà con il trucco. Quindi un siero composto da acqua, un leggero gelificante come l’idrossietilcellulosa e un estratto di equiseto andrà benissimo per proteggere la pelle durante il giorno.

La sera, dopo la pulizia, è opportuno applicare una crema che contenga principi attivi idratanti che favoriscano la produzione del collagene.

© Kimia Zarifi on Unsplash

Cosa mangiare per una pelle sempre idratata

Ricordiamoci che per mantenere il nostro viso bello, luminoso e idratato è fondamentale il “carburante” che mettiamo nel nostro corpo: ci sono dei cibi molto utili che ci vengono in soccorso:

  • con il freddo la pelle perde idratazione quindi sicuramente il primo consiglio è quello di mantenere il corpo sempre idratato aiutandoci con tisane, infusi, e cibi ricchi di acqua, come carciofi, finocchi e sedano;
  • altra categoria di cibi consigliati per proteggere la pelle durante l’inverno sono gli alimenti ricchi di amminoacidi che risultano essenziali per la rigenerazione e la riparazione cellulare, dunque per contrastare l’invecchiamento della pelle, come carni bianche, legumi e pesce;
  • la pelle durante l’inverno appare spenta, grigiastra e giù di tono, e per contrastare questi fattori e avere una pelle perfetta anche nella stagione fredda, è importante consumare cibi ricchi di vitamine e sali minerali che daranno luminosità alla pelle, tonicità e colorito sano come broccoli, spinaci, zucca, radicchio, verza, carote e patate dolci;
  • altro gruppo di alimenti che aiuta la pelle durante l’inverno è la frutta secca come noci, mandorle e nocciole, cibi ricchi di zinco e vitamina E che donano elasticità al viso evitando l’insorgere di segni del tempo precoci e rughe di espressione;
  • non dimentichiamo mai la frutta fresca di stagione, come arance e mandarini ricchi di vitamina C, fondamentale per tenere in salute l’intero organismo e non solo la pelle.

La cosmesi sicuramente fa la sua parte nella protezione e nella tutela della nostra pelle durante l’inverno, ma come sappiamo tutti, una buona alimentazione è essenziale per stare bene e per sostenere al meglio il nostro organismo.

Iscriviti alla newsletter