Il richiamo della foresta seduce anche il digitale

Le foreste sono essenziali per il nostro ambiente, la nostra società e la nostra economia. Oltre a mitigare i cambiamenti climatici e i disastri naturali, le foreste sono anche ecosistemi cruciali per la diversità biologica. L’uso di strumenti innovativi, tra cui piattaforme open-source per esperti e non, è fondamentale per garantire la conservazione delle foreste e sviluppare strategie sostenibili a lungo termine.

171
© JPlenio on Pixabay

Le foreste sono essenziali per il nostro ambiente, la nostra società e la nostra economia. Oltre a mitigare i cambiamenti climatici e i disastri naturali, le foreste sono anche ecosistemi cruciali per la diversità biologica. Tuttavia, questi ecosistemi svolgono altre preziose funzioni, tra cui la conservazione del suolo, la regolazione del ciclo dell’acqua, lo stoccaggio del carbonio, la fornitura di risorse e di habitat. Il Rapporto di valutazione delle risorse forestali globali (FAO, 2020) stima che le foreste mondiali coprano 4,06 miliardi di ettari, mostrando che più della metà (54%) si trova all’interno di cinque grandi Paesi: Russia, Brasile, Canada, Stati Uniti e Cina. Secondo il rapporto FAO, dal 1990 la deforestazione ha causato la perdita di 420 milioni di ettari di foreste.

Tuttavia, il rapporto mostra una diminuzione della perdita di foreste tra il 2015 e il 2020. Allo stesso modo, il rapporto FAO sottolinea che le foreste europee coprono circa 140 milioni di ettari, pari al 36% della superficie totale. A questo proposito, la Commissione europea ha introdotto la nuova Strategia Forestale 2030, che mira a proteggere, ripristinare ed espandere le aree forestali, riducendo gli impatti del cambiamento climatico e la perdita di biodiversità. Inoltre, mira a promuovere gli ecosistemi forestali di valore, come le foreste primarie e quelle di vecchia crescita, con particolare attenzione all’aumento dello sviluppo sostenibile nelle aree rurali. Questi problemi spingono il governo, e anche altre organizzazioni, ad adottare nuovi strumenti per semplificare e migliorare il monitoraggio delle risorse naturali, con particolare attenzione agli ecosistemi forestali. In questo caso, l’uso di strumenti innovativi è fondamentale per garantire la conservazione delle foreste e sviluppare strategie sostenibili a lungo termine. Negli ultimi anni sono stati sviluppati diversi strumenti di monitoraggio, come il telerilevamento e i sistemi informativi geografici (GIS).

Le nuove tecnologie potrebbero essere una potente risorsa per i ricercatori, i responsabili delle politiche governative e le organizzazioni che vogliono migliorare la loro comprensione delle dinamiche ecologiche, della perdita di biodiversità, delle foreste e dello sviluppo sostenibile. L’obiettivo del documento è stato quello di esplorare due strumenti gratuiti proposti da governi e organizzazioni internazionali, allo scopo di migliorare la conoscenza del loro ruolo strategico, delle loro funzionalità e delle loro applicazioni nel monitoraggio delle foreste.

SEPAL e Global Forest Watch
Uno strumento recente per il monitoraggio delle foreste e dei cambiamenti nell’uso del suolo su scala globale è Open Foris. Si tratta di un software open-source che assiste nella raccolta, nell’analisi e nel reporting dei dati. Uno dei suoi componenti più recenti è il System for Earth Observation Data Access, Processing and Analysis of Land Monitoring (SEPAL). SEPAL è una piattaforma di cloud computing facile da usare per l’accesso e l’analisi dei dati geospaziali. Consente agli utenti di elaborare rapidamente grandi insiemi di dati direttamente sui propri computer o dispositivi mobili. Gli utenti possono così generare analisi liberamente personalizzate utilizzando le immagini satellitari per condurre indagini nel tempo e nello spazio. SEPAL integra i dati spaziali e la potenza di calcolo di Google Earth Engine e Amazon Web Services, utilizzando altre applicazioni popolari come R, ORFEO, GDAL, Python e Jupiter Notebooks. Originariamente, è stato introdotto per monitorare le scorte di carbonio e i cambiamenti delle foreste nell’ambito del progetto Reducing Emissions from Deforestation and Forest Degradation (REDD+). Il progetto REDD+ mirava a ridurre le emissioni dovute alla deforestazione e al degrado forestale. Nell’ambito di questo programma, il SEPAL ha fornito una ricca serie di strumenti utilizzati per monitorare e valutare le risorse forestali, gli stock di carbonio e i cambiamenti nell’uso del suolo. Di conseguenza, SEPAL ha migliorato notevolmente il monitoraggio del territorio e ha facilitato la gestione e l’analisi dei big data.

Utilizzando tecnologie e processi avanzati, gli utenti possono condurre analisi guidate, riducendo sia i potenziali errori che i tempi. Questo software include diversi pacchetti utili per il monitoraggio delle foreste, come l’analisi in tempo reale dei disturbi forestali, degli incendi o del rilevamento dei cambiamenti forestali.

Figura 1. Dashboard SEPAL (Fonte: sito web SEPAL)

SEPAL è accessibile attraverso un portale web (https://sepal.io). Sul portale web, le funzionalità sono suddivise in quattro aree: processo, file, terminale e applicazioni. L’area Processo consente agli utenti di selezionare le immagini per la loro analisi utilizzando criteri quali l’area, il sensore (Landsat o Sentinel) e il tempo di interesse. Dopo la navigazione, gli utenti possono scaricare le immagini migliori in un’area di archiviazione per produrre un mosaico o altri risultati. La sezione File consente di visualizzare i file precedentemente salvati. L’area Terminal consente agli utenti di avviare una macchina nel cloud AWS. Prima di eseguire l’attività, gli utenti devono selezionare una delle configurazioni hardware disponibili. Il pannello Apps contiene diverse applicazioni per l’analisi dei dati. Quando si seleziona un’opzione, il codice viene lanciato automaticamente da SEPAL sulla macchina dell’utente (Fig. 2).

Figura 2. L’immagine mostra alcuni esempi dell’analisi SEPAL (Fonte: SEPAL/Flickr album)

Sebbene SEPAL fornisca funzionalità utili per gestire e visualizzare i dati sull’interfaccia web. Altre azioni come la modifica o la condivisione di analisi non sono possibili. SEPAL non è l’unico strumento per il monitoraggio e la valutazione delle risorse forestali. Ad esempio, il Global Forest Watch (GFW), lanciato dal World Resources Institute, rappresenta un altro strumento rilevante. Il GFW è una rete che mira a promuovere la trasparenza nelle decisioni di gestione forestale favorendo l’accesso pubblico alle informazioni. Il Global Forest Monitoring (GFMN) è stato istituito nel 1997 come parte dell’iniziativa Forest Frontiers. Il suo scopo era quello di fornire dati tempestivi sul cambiamento della copertura forestale e sui tassi di deforestazione. Il GFW fornisce un accesso aperto alle immagini satellitari in tempo reale e ai dati forestali globali. Permette di esplorare, confrontare e analizzare questi dati per individuare le tendenze di deforestazione o altri potenziali punti caldi (Fig. 3).

Figura 3. Interfaccia grafica che mostra un cruscotto della mappa forestale globale con varie opzioni di menu, come aiuto, informazioni, blog, altri strumenti, selettore della lingua e un elenco di città e Paesi.

GFW offre anche altri livelli come le aree protette, l’indice di qualità dell’aria o l’indice globale degli incendi. Le mappe interattive contribuiscono a comprendere meglio i fattori che determinano la deforestazione e aiutano a prendere decisioni informate. La prima versione si è concentrata su quattro Paesi: Camerun, Canada, Gabon e Indonesia. Tuttavia, il GFW si è evoluto e oggi include informazioni su oltre 90 Paesi. Attualmente fornisce allarmi in tempo reale sulla perdita di foreste, mappe accurate della copertura forestale e strumenti analitici sofisticati. Sono inoltre disponibili applicazioni aggiuntive di facile utilizzo, come il Global Forest Explorer, per esplorare e confrontare le tendenze forestali globali. Per accedere al GFW, visitare il sito web (https://globalforestwatch.org/map) e registrare un account gratuito. Una volta creato l’account, è possibile accedere al cruscotto del GFW per visualizzare le mappe a livello globale e nazionale. Dal cruscotto sono disponibili molti input, tra cui le mappe della deforestazione (Fig. 4), del degrado forestale e del cambiamento di destinazione d’uso dei terreni, oltre ai dati sulla copertura forestale, sui confini delle aree protette e sulle emissioni di carbonio.

Figura 4. Mappa della perdita di foreste dal 2001 al 2022.

Le mappe di perdita e guadagno di superficie forestale sono visualizzate per impostazione predefinita. Per accedere ai dati di allerta, ad esempio GLAD o allarmi incendio, è necessario accedere al menu “FOREST CHANGE”. Anche in questo caso, come SEPAL, è gratuito e offre diverse opzioni, come la creazione e la personalizzazione di mappe, la ricezione di allarmi e il download di dati per aree di studio specifiche. Nello specifico, GFW è uno strumento prezioso per comprendere i cambiamenti forestali, individuare la deforestazione e prevenire il disboscamento illegale. Tuttavia, può essere utilizzato anche per valutare le politiche e gli impatti dei cambiamenti climatici. Sia il GFW che il SEPAL sono strumenti complementari con caratteristiche proprie. Infatti, possono essere utilizzati per fornire una visione più completa dello stato delle foreste a livello globale. Come complemento, l’Atlante forestale, prodotto dal Centro comune di ricerca dell’UE, si concentra sul monitoraggio delle foreste europee. L’Atlante forestale consente ai responsabili politici dell’UE di valutare l’efficacia delle politiche e di monitorare i loro progressi verso obiettivi sostenibili. Grazie alle sue informazioni, l’Atlante forestale è una fonte di dati preziosa per le comunità, gli operatori e i proprietari di foreste. È anche una risorsa fondamentale per garantire una gestione forestale sostenibile in Europa, in vista delle prossime generazioni.

Opportunità, sfide e prospettive future
SEPAL e Global Forest Watch si stanno affermando come strumenti efficaci per il monitoraggio delle foreste, offrendo approcci di facile utilizzo sia per gli esperti che per i non esperti. Un vantaggio importante è che si tratta di strumenti open source, che li rendono disponibili a un ampio gruppo di utenti, tra cui governi, organizzazioni non governative (ONG) e comunità locali. Fornendo dati tempestivi sulla copertura forestale, sulla deforestazione, sulla biodiversità e su altri indicatori, possono sostenere gli sforzi dei governi e delle parti interessate, garantendo una gestione forestale sostenibile. Inoltre, possono essere utilizzati come strumenti educativi per aumentare la conoscenza e la comprensione delle foreste e del loro valore. Inoltre, contribuiscono alla cooperazione internazionale per un monitoraggio e una gestione più efficaci degli ecosistemi forestali. Tuttavia, è importante riconoscere alcuni limiti, come la mancanza di dati per alcuni Paesi e l’imprecisione delle immagini satellitari. Di conseguenza, non possono essere utilizzati per fornire informazioni affidabili per alcune aree. Affrontare questo problema è quindi una priorità e richiede ulteriori ricerche, studi e investimenti per sviluppare nuovi approcci al fine di aumentarne l’efficacia e l’utilità. In particolare, sarebbe utile migliorare la disponibilità di dati satellitari e investire in nuove tecnologie (ad esempio, droni e altri sensori). Il superamento di queste sfide ci permetterà di lavorare collettivamente per la conservazione e la protezione dei nostri preziosi ecosistemi forestali.

Iscriviti alla newsletter