Energie rinnovabili fondamentali per la ripresa economica post coronavirus

Secondo Francesco la Camera, direttore generale IRENA, "rendendo la transizione verso l'energia pulita parte integrante di una più ampia ripresa, i governi possono realizzare un cambiamento decisivo nella ricerca di un futuro ecosostenibile"

1970

In poche settimane gran parte del mondo è stata chiusa a causa del coronavirus. Le decisioni prese finorora per affrontare gli impatti sociali ed economici della crisi derivano da una profonda incertezza sul corso della pandemia. La priorità immediata rimane quella di salvare quante più vite possibili, di tenere sotto controllo l’emergenza sanitaria e di alleviare le difficoltà. Allo stesso tempo, i governi si stanno impegnando per mettere a punto un piano di ripresa.

“Gli obiettivi stabiliti nell’agenda 2030 delle Nazioni Unite e nell’accordo di Parigi possono servire da bussola per rimanere in rotta durante questo periodo disorientante – ha dichiarato Francesco La Camera, direttore generale di IRENA, l’Agenzia Internazionale per le Energie Rinnovabili – Possono aiutare a garantire che le soluzioni a breve termine adottate di fronte a COVID-19 siano in linea con gli obiettivi di sviluppo e clima a medio e lungo termine”.

L’Agenzia sottolinea che questo è il momento giusto per accelerare il passaggio a economie sostenibili, decarbonizzazione e società inclusive resilienti. “È necessario un approccio progettuale coerente per garantire il consenso politico, il sostegno alle imprese e l’accettazione sociale. Come chiarisce l’attuale crisi, non possiamo più permetterci di prendere decisioni politiche e investimenti isolati tra sfide sociali, economiche e ambientali intrecciate”, continua La Camera.

Le misure di stimolo e di ripresa in risposta alla pandemia devono favorire lo sviluppo economico e la creazione di posti di lavoro, promuovere l’equità e il benessere sociali e mettere il mondo su un percorso sicuro per il clima. Rendendo la transizione energetica parte integrante di una più ampia ripresa, i governi possono realizzare un passo in avanti nella ricerca di un futuro sano, inclusivo, prospero, giusto e resiliente.

Le transizioni energetiche sono già in corso in molti paesi. Queste transizioni sono diventate sempre più accessibili a causa di quadri politici lungimiranti, innovazioni in corso e riduzione dei costi tecnologici per le energie rinnovabili. Il solare fotovoltaico (FV) e l’energia eolica sono diventati le fonti di elettricità più economiche in molti mercati, con altre fonti di energia rinnovabile in procinto di raggiungere la parità di costo in pochi anni.

Nel settore energetico, le energie rinnovabili hanno dominato nuove aggiunte di capacità e hanno superato sempre più i combustibili fossili negli ultimi sette anni. Solo lo scorso anno, le energie rinnovabili hanno rappresentato quasi i tre quarti delle aggiunte globali di capacità energetica.

“La ricaduta economica della pandemia è di vasta portata, con un impatto negativo su molti settori, comprese le energie rinnovabili. I governi possono rivolgersi a una transizione energetica basata sulle energie rinnovabili per offrire una gamma di soluzioni in questo momento difficile. Molte tecnologie rinnovabili possono essere accelerate relativamente rapidamente, contribuendo a rilanciare le industrie e creare nuovi posti di lavoro”.

Secondo IRENA, quindi, l’adozione di energie rinnovabili può creare occupazione e aumentare il reddito locale sia nei mercati sviluppati che in quelli in via di sviluppo. L’occupazione nel settore, che nel 2018 ha raggiunto 11 milioni di posti di lavoro in tutto il mondo, potrebbe quadruplicare entro il 2050, mentre i lavori nell’efficienza energetica e nella flessibilità del sistema potrebbero aumentare di altri 40 milioni.

“Nella creazione di infrastrutture future, le soluzioni energetiche volte ad aumentare le energie rinnovabili offrono una scelta di investimento strategica sicura e visionaria – prosegue il direttore generale – Le misure di recupero potrebbero aiutare a installare reti elettriche flessibili, soluzioni di efficienza, sistemi di ricarica dei veicoli elettrici (EV), accumulo di energia, energia idroelettrica interconnessa, idrogeno verde e molteplici altre tecnologie per l’energia pulita”.

Gli ultimi sviluppi del prezzo del petrolio e l’accresciuta imprevedibilità dei rendimenti degli investimenti in idrocarburi rendono ancora più forte il business case per le energie rinnovabili. Le attuali dinamiche di mercato potrebbero ulteriormente indebolire la redditività delle risorse non convenzionali di petrolio e gas e contratti a lungo termine. È giunto il momento di ridurre o reindirizzare i sussidi ai combustibili fossili verso energia pulita senza ulteriori disagi sociali.

La ricerca e l’innovazione sono fondamentali per continuare a migliorare le tecnologie e ridurre i costi per l’energia sostenibile. Ciò è particolarmente vero in settori di uso finale come i trasporti, il riscaldamento e il raffreddamento, nonché per l’abilitazione di tecnologie come lo stoccaggio dell’energia e l’idrogeno verde.

“Un approccio basato esclusivamente sul mercato non sarà adeguato, né per rispondere alla crisi immediata né per mobilitare investimenti a lungo termine. I governi dovranno prendere in considerazione approcci innovativi per garantire finanziamenti a livello di scala e velocità. Obiettivi a lungo termine chiari, combinati con investimenti pubblici mirati e incentivi di mercato adeguati, consentiranno anche al settore privato di agire rapidamente e con sicurezza”, conclude.

Mentre l’attuale crisi ha senza dubbio sottolineato le interconnessioni globali e rafforzato la visione di una società più resiliente a livello nazionale e regionale, secondo l’Agenzia ha anche messo in luce le grandi differenze nelle circostanze e nelle capacità dei paesi. È necessaria una cooperazione internazionale per affrontare carenze e vulnerabilità profondamente radicate e le risposte alle crisi devono riflettere la co-dipendenza globale. Gli investimenti devono essere diretti ovunque siano necessari, anche verso i paesi e le comunità più vulnerabili.