Mauritius: si temono effetti a lungo termine dopo il disastro ambientale

La fuoriuscita di carburante dalla nave incagliata alle Mauritius minaccia di avere effetti devastanti non solo sull'ambiente ma anche sul turismo e sull'economia locale

571
Screenshot dal video di BTS Mauritius⁷

A due settimane dalla dichiarazione dello stato di emergenza ambientale alle Mauritius, la situazione è ancora critica. Almeno 1.000 tonnellate di carburante sono state rovesciate nell’Oceano Indiano a seguito di una massiccia perdita dalla nave giapponese MV Wakashio rimasta incagliata il 25 luglio.

Sabato scorso la nave si è spezzata a metà, causando il rischio di nuove fuoriuscite di petrolio dalle 4.000 tonnellate che trasportava e di ulteriori devastazioni ambientali per le barriere coralline e le famose lagune delle isole. Alcune riprese da drone hanno mostrato l’entità della catastrofe.

Il capitano Sunil Kumar Nandeshwar è stato arrestato martedì sotto accusa di aver messo in pericolo la sicurezza della navigazione, dopo che i membri dell’equipaggio hanno riferito alla polizia che, al momento della collisione, stava festeggiando un compleanno a bordo.

A seguito della perdita di petrolio, paesi stranieri, tra cui Francia e India, hanno offerto il loro sostegno alle Mauritius e i social media hanno immediatamente avviato campagne di raccolta fondi.

È così iniziata un’azione di pulizia generale con migliaia di volontari del posto che hanno costruito barriere galleggianti improvvisate, riempiendole di capelli, cannucce di canna da zucchero e bottiglie di plastica, nel tentativo di fermare la diffusione del petrolio.

L’agenzia locale di turismo sostenibile Mauritius Conscious ha dichiarato che al momento squadre di esperti sono sul posto con macchinari e attrezzature speciali per raccogliere il carburante e rimuovere le inziali barriere artigianali.

“La popolazione ha fatto un lavoro incredibile e ammirevole per salvare la nostra laguna. Ora siamo tutti invitati ad allontanarci dalle zone costiere inquinate per consentire agli esperti di lavorare in modo più efficace nel breve e nel lungo periodo,” ha scritto l’agenzia su Facebook.

Le isole Mauritius, al largo della costa orientale dell’Africa, sono note per le loro spiagge bianche, le acque cristalline e le foreste di mangrovie che assicurano una ricca biodiversità nella zona.

L’industria del turismo è chiave per la loro economia, solo l’anno scorso ha contribuito a circa 1,6 miliardi di dollari. Ma la pandemia di coronavirus ha già messo a dura prova il paese abbassando i flussi turistici, e ora questa fuoriuscita di petrolio potrebbe danneggiarne ulteriormente l’economia.

Romina Tello, la fondatrice di Mauritius Conscious, ha spiegato a Reuters che ci saranno gravi conseguenze per il turismo. “Ora, è impossibile per me consigliare alle persone di viaggiare verso la costa sudorientale per l’odore, e poi non si può nuotare a causa della fuoriuscita di carburante,” ha detto.

Le conseguenze saranno terribili anche per l’intero ecosistema della zona. Il petrolio ricopre tutto ciò che tocca danneggiando la flora e rendendo l’habitat inadatto alla fauna.

Il contatto con esso uccide le uova di pesce e le larve, distrugge la capacità isolante dei mammiferi che possono poi morire di ipotermia e limita la mobilità delle creature come nel caso degli uccelli. Se inalato o ingerito dagli animali, influisce sulla loro funzione immunitaria e riproduttiva, arrivando anche ad avvelenarli.

Dal momento che il petrolio viene assorbito dall’ambiente marino, fuoriuscite di carburante come questa continuano a causare danni per decenni, anche dopo massicce bonifiche. Uno studio della National Oceanic and Atmospheric Administration ha scoperto che, nel 2007, 26.000 galloni di petrolio erano ancora intrappolati sulla costa dell’Alaska dopo una perdita avvenuta nel 1989.

Nagashiki Shipping, la compagnia proprietaria della nave incagliata, ha dichiarato di essere “profondamente consapevole della [sua] responsabilità come parte direttamente coinvolta nel caso”. Tuttavia, nonostante le scuse pubbliche, alcune petizioni chiedono ancora che la società che gestiva la MV Wakashio sia ritenuta responsabile.

Scenari come questi, insieme all’improvviso crollo della domanda di petrolio causato dalla pandemia, sono segnali di allarme per le grandi compagnie petrolifere, le quali potrebbero così cominciare a pensare di differenziare la loro attività. Disastri ambientali come questi non sono più accettabili.