Google Maps, natura protagonista con mappe più colorate e dettagliate

Google Maps offrirà una visione più accurata della natura: sarà possibile distinguere tutti i vari elementi e le relative caratteristiche. Novità anche in città

394
© Google

Google porta la natura su Maps. Dal suo lancio, 15 anni fa, l’applicazione ha cambiato veste più volte migliorando i servizi offerti agli utenti. Nell’ultimo aggiornamento si evolverà ancora introducendo più colori che renderanno più semplice capire come appare l’area inquadrata se si decide di fare un tour virtuale o visitarla di persona.

Le mappe del colosso californiano, quindi, si arricchiscono di colori e dettagli in modo da far distinguere gli elementi naturali, dai ghiacciai ai deserti, dalle spiagge alle foreste, per gli oltre 100 milioni di chilometri quadrati di superficie terrestre coperti da Big G. E una maggiore accuratezza arriva anche in città, in modo da mostrare marciapiedi e attraversamenti pedonali a chi, anche a causa del Covid-19, preferisce spostarsi a piedi.

Google Maps dispone di immagini satellitari ad alta definizione per oltre il 98% della superficie mondiale. Con una nuova tecnica algoritmica di mappatura dei colori, è in grado di prendere queste immagini e tradurle in una mappa ancora più completa e dettagliata di un’area su scala globale.

“Esplorare un luogo ti dà uno sguardo alle sue caratteristiche naturali, così puoi facilmente distinguere spiagge abbronzate e aride e deserti da laghi blu, fiumi, oceani e burroni. Puoi sapere a colpo d’occhio quanto sia lussureggiante e verde un luogo con la vegetazione, e anche vedere se ci sono cime innevate sulle cime delle montagne”, si legge sul blog di Google.

Questo aggiornamento riguarda sia le più grandi aree metropolitane che piccole città rurali. Come funziona esattamente questa tecnica di mappatura dei colori? “Innanzitutto – spiega Google – utilizziamo l’intelligenza artificiale per identificare le caratteristiche naturali dalle nostre immagini satellitari, osservando specificamente le regioni aride, ghiacciate, boscose e montuose. Analizziamo quindi queste caratteristiche e assegniamo loro una gamma di colori sul modello di colore HSV. Ad esempio, una foresta densamente coperta può essere classificata come verde scuro, mentre un’area di arbusti irregolari potrebbe apparire come una tonalità di verde più chiara”.

Non solo natura ma anche tante informazioni dettagliate sulle città di tutto il mondo. Ad esempio “si potrà vedere esattamente dove si trovano marciapiedi, strisce e isole pedonali, informazioni cruciali se hanno esigenze di accessibilità. Questi dettagli sono particolarmente utili perché, a causa della pandemia, più persone scelgono di andare a piedi o usare mezzi di trasporto individuali”.