L’inquinamento costa agli italiani più di 1500€: il prezzo più alto in Europa

Delle 10 città che pagano i costi più alti a causa dell’inquinamento urbano 5 sono italiane: Milano, Padova, Venezia, Brescia e Torino

337

I cittadini italiani pagano per l’inquinamento urbano il prezzo più alto tra tutti gli Stati Membri dell’Ue: 1535 euro a testa per tante città nella triste top ten delle più inquinate, a partire da Milano, la seconda in assoluto dopo Bucarest. È quanto emerge dall’ultimo rapporto dell’Alleanza europea per la salute pubblica (Epha), che ha commissionato il lavoro all’istituto di ricerca Ce Delft.

Delle 10 città che pagano i costi più alti a causa dell’inquinamento urbano 5 sono italiane, 4 nel lombardo veneto (Milano, Padova, Venezia e Brescia), accompagnate da Torino, nona nella classifica generale.

Un triste primato con una media imperdonabile: gli abitanti delle 5 città del nostro Paese pagano una media di 1535 euro a testa a causa dell’inquinamento urbano contro una media europea che non arriva a 1300 euro. 5 città su 10, dove le altre sono uniche nei loro Paesi di appartenenza. Un brutto segnale che dovrebbe far pensare, quindi agire.

Il rapporto dell’Alleanza europea per la salute pubblica (EPHA) quantifica il valore monetario di morte prematura, cure mediche, giornate lavorative perse e altri costi sanitari causati dai tre inquinanti atmosferici che causano più malattie e decessi: particolato (PM), ozono ( O₃) e biossido di azoto (NO₂).

Chi sostiene i costi più alti?

Secondo l’EEA, l’inquinamento atmosferico è la prima causa di morti premature dovute a fattori ambientali in Europa. Il problema è maggiore nelle città, dove vivono i due terzi degli europei. Due terzi delle città infrangono gli standard di aria pulita stabiliti dall’Organizzazione mondiale della sanità. PM, NO₂ e O₃ causano circa 400.000 morti premature all’anno.

Il segretario generale ad interim dell’EPHA, Sascha Marschang, ha dichiarato: “Il nostro studio rivela l’entità del danno che l’aria tossica sta causando alla salute delle persone e le enormi disuguaglianze di salute che esistono tra i paesi europei e al loro interno. In larga misura, la situazione può essere influenzata dalle politiche dei trasporti e le città possono ridurre i costi passando alla mobilità urbana a emissioni zero. I governi e l’Unione europea dovrebbero tenere presenti questi costi per la politica dei trasporti al fine di sostenere, non ostacolare, una sana ripresa dalla pandemia COVID-19”.

Lo studio ha esaminato 432 città in tutti i paesi dell’UE più Regno Unito, Norvegia e Svizzera. Sommati insieme, i costi dell’inquinamento atmosferico per i residenti nelle città ammontano a 166 miliardi di euro all’anno, o in media 385 milioni di euro per città. Quando sono raggruppati per città piuttosto che per costo pro capite, coloro che vivono in città grandi e costose tendono ad affrontare i costi di inquinamento più elevati a causa della densità della popolazione, dei guadagni e delle spese più elevati. Ma le città dell’Europa centrale e orientale contrastano questa tendenza e sono in cima alla tabella dell’impatto nonostante i livelli di reddito inferiori, poiché l’inquinamento atmosferico particolarmente cattivo ha il suo pedaggio. Quindi il residente medio di Bucarest deve affrontare i costi più alti, a € 3.004, mentre quelli nella incontaminata Santa Cruz de Tenerife affrontano i costi minori, a € 382.

Il PM causa la stragrande maggioranza dei costi, l’82,5% in media (varie fonti di inquinamento), seguito da NO₂ (15% – principalmente traffico) e O₃ (2,5% – da combustione). Queste proporzioni variano notevolmente tra le città. La regione CEE ha il più alto tasso di morti per inquinamento atmosferico mentre l’Europa meridionale ha il più alto tasso di malattie croniche.

I trasporti sono una delle principali fonti di inquinamento atmosferico urbano, con un costo di 67-80 miliardi di euro nell’UE28 nel 2016, secondo un precedente rapporto dell’EPHA. Questo studio mostra che anche piccole modifiche alle abitudini di trasporto e alle politiche cittadine possono fare una differenza sostanziale a tali costi. Secondo lo studio, un aumento dell’1% del tempo medio di percorrenza per andare al lavoro aumenta i costi delle emissioni di PM10 dello 0,29% e quelli delle emissioni di NO2 dello 0,54%. Un aumento dell’1% del numero di automobili in una città aumenta i costi complessivi di quasi lo 0,5%.

Lo studio, condotto da CE Delft, è il più grande nel suo genere, in termini di numero di città e inquinanti studiati. I ricercatori hanno preso gli ultimi dati completi da Eurostat e dalle stazioni di monitoraggio ufficiali, dal 2018, per calcolare i danni causati e i costi relativi alle malattie che ne derivano. I ricercatori hanno escluso l’inquinamento dell’aria interna, una causa significativa di malattia.

L’EPHA chiede che le politiche del governo riducano i trasporti basati sul petrolio con alternative più sostenibili, attive ea emissioni zero, in particolare a piedi, in bicicletta e veicoli puliti, basati sulla mobilità elettrica.