Dieta green: cosa mangiare per combattere il cambiamento climatico

La lotta ai cambiamenti climatici inizia a tavola: ecco cosa acquistare e cosa mangiare per fare veramente la differenza

508

Non possiamo evitarlo, dobbiamo mangiare tutti i giorni. Tuttavia, il nostro stile alimentare, che prevede un consumo di carne crescente, ha degli effetti negativi sul cambiamento climatico. La lotta al riscaldamento globale inizia a tavola con ciò che scegliamo di mettere nel piatto. Preferire cibi naturali, frutta e verdura, prodotti a chilometro zero è sicuramente un modo per aiutare l’ambiente oltre che la nostra salute. La vera differenza la fa, come sottolineato da numerosi studi, l’eliminazione della carne rossa.

“Una dieta senza prodotti a base di carne può ridurre le emissioni di gas serra del 49% e l’impronta idrica del 19%”, ha affermato alla CNN Galen Karlan-Mason, fondatore e CEO di GreenChoice, un’app per la spesa che aiuta i consumatori a fare scelte informate sulla sostenibilità e nutrizione, citando uno studio del 2018 sulla rivista Science.

Karlan-Mason ha elencato una serie di fattori che rendono l’agricoltura industriale uno dei processi più gravosi per l’ambiente nella produzione alimentare globale. “Abbiamo monocolture di mais e soia che diventano mangime per il bestiame, sfruttiamo le risorse naturali, terra e acqua, per loro e in cambio abbiamo solo grosse emissioni di metano e gas serra”.

Le carni a base vegetale, tuttavia, non sono un sostituto uno a uno per hamburger e salsicce. “La produzione di soia è seconda alla carne bovina per danni ambientali: stiamo sostituendo l’omicidio di primo grado con l’omicidio di secondo grado”, afferma Douglas Murray, professore associato e presidente del dipartimento di studi sull’alimentazione e la nutrizione presso la Montclair State University di New Jersey.

Da un punto di vista nutrizionale, la carne di soia può essere ricca di grassi saturi quanto un hamburger di manzo e contenere livelli più elevati di sodio ma, secondo la Harvard Medical School, ciò non deve diventare una scusa per mangiare carne vegetale ogni giorno perché la sua produzione danneggia comunque l’ambiente.

Le fonti proteiche vegetariane sono l’ovvio sostituto per la carne ma è meglio prenderle da prodotti non lavorati, innanzitutto dai legumi e poi da frutta e verdura, la cui produzione è meno impattate rispetto ai preparati a base di carne vegetale, a pesce, uova e latticini.

La dieta vegetariana comprende cibi ad alto contenuto proteico come fagioli, lenticchie, verdure a foglia verde, quinoa e altri ingredienti non trasformati. Sostituire la carne di manzo con uno di questi alimenti è un piccolo cambiamento che può anche avere un effetto positivo sulla salute. Diversi studi infatti hanno dimostrato che esiste una correlazione tra diete vegetariane e perdita di peso sostenuta, nonché minori rischi per alcuni tipi di cancro e malattie cardiache.

Le uova sono una valida alternativa alla carne, più rispettose dell’ambiente, ma meglio preferire quelle biologiche o, quando è possibile, quelle a chilometro zero. Per quanto riguarda il latte non caseario, Karlan-Mason consiglia il latte di avena, soia e nocciola come le migliori alternative. Sì alle mandorle, che richiedono molta acqua per essere prodotte ma possono essere considerate a impatto zero in quanto i loro alberi immagazzinano carbonio invece di emetterlo. E il consumo di acqua degli alberi è molto inferiore alla quantità di acqua necessaria per produrre carne di manzo e altri animali.

E il pesce? Come ogni altro alimento, le opzioni locali e sostenibili sono sempre la scelta migliore quando si tratta di pesce. “C’è molta pesca eccessiva dilagante che colpisce gli stock ittici in tutto il mondo”, ha detto Raghav, quindi è bene informarsi prima di acquistare e mangiare pesce. Secondo uno studio, mangiare pesce potrebbe aiutare a proteggere il cervello che invecchia dall’inquinamento atmosferico. I gamberetti d’allevamento sono l’unico alimento da evitare in quanto “gli allevamenti di gamberetti sono il principale motore della deforestazione delle mangrovie”, sostiene Raghav, sottolineando che le mangrovie sono uno degli ecosistemi più ricchi di carbonio del pianeta. Meglio consumare pesci più piccoli come acciughe e sardine, rispetto ai pesci grossi come il tonno.

Se tutto ciò sembra troppo complicato o inutile per fare veramente la differenza, ricorda che “ciò che i consumatori possono fare è guidare la domanda”, conclude Murray.