Da una start-up italiana la tazzina di caffè riutilizzabile contro il monouso

L’obiettivo di Espresso Away è quello di essere sostenibile al 100% eliminando i bicchierini usa e getta, che tanto inquinano mari e terra

723

Una tazzina da asporto riutilizzabile infinite volte, in modo che il nostro caffè non impatti sull’ambiente e conservi il suo aroma. Una start-up italiana ha trovato una soluzione originale per eliminare completamente il monouso, un metodo alternativo per andare al bar a gustare un buon caffè riducendo l’impatto ambientale e i rifiuti, anche e soprattutto in un momento come questo in cui l’asporto è in molte zone l’unico rimedio possibile.

È Espresso Away, una tazzina riutilizzabile che andrà in produzione a breve: completamene Bpa free e dotata di un pratico tappo richiudibile, può essere trasportata facilmente, al bar o in ufficio, o essere adoperata in casa e riusata all’infinito.

L’obiettivo è quello di essere sostenibile al 100% eliminando i bicchierini usa e getta, che tanto inquinano mari e terra. Si stima che in Italia ne vengano buttati 3 miliardi in un anno.

“Vogliamo coinvolgere gli amanti del caffè e anche le aziende e i bar, perché con un piccolo gesto da parte di tutti si potrebbe aiutare in modo importante l’ambiente”, dicono dalla start-up.

Espresso Away è progettata per esaltare gli aromi del caffè: ha le dimensioni della classica tazzina, 70 ml, perfetta per un caffè espresso o un macchiato e una forma a tronco di cono e fondo a uovo.

Il tappo con filettatura garantisce una chiusura ermetica a prova di rovesciamento, è pratica da utilizzare e può essere messa in tasca o in borsa.

È realizzata in Tritan un polimero di ultima generazione utilizzato per contenitori alimentari ad alte temperature, che viene impiegato anche per i biberon.

Insomma, i bicchierini monouso sono, e lo sappiamo bene, un enorme problema per l’ambiente: in un anno ne gettiamo a migliaia e molti finiscono nei nostri mari. Un metodo da portarsi sempre con sé e riutilizzare sempre non sarebbe una delle soluzioni migliori?

Iscriviti alla newsletter