Pesticidi, ecco la lista di frutta e verdura più contamintate

Fragole, spinaci e cavoli sono tra i vegetali più contaminati dai pesticidi, un vero pericolo per la salute. Scopri la classifica completa:

422
Ivanna Kykla on Pexels

Quasi il 70 per cento dei prodotti freschi non biologici contiene residui di pesticidi chimici potenzialmente dannosi.  A dirlo è il gruppo di lavoro sull’ambiente americano, l’EWG, che ha classificato i livelli di residui di pesticidi di frutta e verdura sulla base di campioni prelevati dal Dipartimento dell’Agricoltura statunitense e dalla Food and Drug Administration.

Per il 17esimo anno consecutivo l’Environmental Working Group analizza e rende noti i risultati di un’interessante analisi che prende in considerazione circa 50 diverse tipologie di frutta e verdura per valutare la presenza di pesticidi potenzialmente pericolosi che finiscono di conseguenza sulle nostre tavole.

Ogni anno esce fuori una Dirty Dozen™, una “sporca dozzina” di vegetali e frutta con alti livelli di sostanze chimiche, trovate dopo aver lavato e sbucciato ogni singolo ingrediente. Anche nel 2021 si confermano le fragole la frutta più contaminata e gli spinaci per quanto riguarda le verdure.

Imazalil, un fungicida in grado di modificare i livelli ormonali e classificato dall’Environmental Protection Agency come probabile cancerogeno per l’uomo, è stato rilevato su quasi il 90% dei campioni di agrumi testati da EWG nel 2020 e in oltre il 95% dei campioni di mandarino testati dall’USDA nel 2019.

I cavoli rimangono al terzo posto, ora affiancati anche dalle cime di rapa, come tra i prodotti con il più alto carico di pesticidi. Dopo essere stati testati per la prima volta dal 2012 e dal 2011, rispettivamente, anche i peperoni e i peperoncini sono inclusi nell’elenco di quest’anno al 10° posto. Nei test, il pesticida più frequentemente rilevato è il DCPA, venduto con il marchio Dacthal. L’EPA classifica il DCPA come un possibile cancerogeno per l’uomo e nel 2009 l’Unione Europea lo ha bandito. Altri pesticidi sono i neonicotinoidi e i piretroidi potenzialmente neurotossici.

Come negli anni passati, i peperoni contengono ancora livelli preoccupanti di acefato e clorpirifos, insetticidi organofosfati che possono danneggiare il cervello in via di sviluppo dei bambini, tanto che ne è vietato l’uso su alcune colture negli Stati Uniti e interamente nell’Unione europea. Inoltre, gli articoli freschi più contaminati, come spinaci, fragole e altra frutta e verdura Dirty Dozen, hanno ancora alti livelli di pesticidi nelle loro forme congelate.

Anastasiia Petrova on Pexels

La sporca dozzina di EWG per il 2021

  • Fragole
  • Spinaci
  • Cavolo riccio e cime di rapa
  • Nettarine
  • Mele
  • Uva
  • Ciliegie
  • Pesche
  • Pere
  • Peperoni e peperoncini piccanti
  • Sedano
  • Pomodori

Dei 46 elementi inclusi nell’analisi, questi “cibi sporchi” sono stati contaminati con più pesticidi rispetto ad altre colture (le classifiche si basano non solo sulla percentuale di campioni con pesticidi ma anche sul numero e la quantità di pesticidi su tutti i campioni e sui singoli campioni). Ecco i risultati principali:

  • Più del 90% dei campioni di fragole, mele, ciliegie, spinaci, nettarine e verdure a foglia sono risultati positivi per i residui di due o più pesticidi
  • Un singolo campione di cavolo, cavolo riccio e cime di rapa conteneva fino a 20 diversi pesticidi
  • In media, i campioni di spinaci avevano 1,8 volte più residui di pesticidi in peso rispetto a qualsiasi altra coltura testata
  • Peperoncini piccanti e peperoni hanno avuto il maggior numero di pesticidi rilevati, 115 pesticidi in totale e 21 pesticidi in più rispetto alle colture con la seconda quantità più alta: cavolo, cavolo e senape.
Nur Afni Setiyaningrum on Unsplash

Clean Fifteen di EWG per il 2021

  • Avocado
  • Mais dolce
  • Ananas
  • Cipolle
  • Papaia
  • Piselli dolci (congelati)
  • Melanzana
  • Asparago
  • Broccoli
  • Cavolo
  • Kiwi
  • Cavolfiore
  • Funghi
  • Melone verde
  • Cantalupo

Questa è la classifica dei frutta e verdura con le concentrazioni più basse di pesticidi, definita “Clean Fifteen”. Ecco i risultati chiave:

  • Avocado e mais dolce sono i più puliti. Meno del 2% dei campioni ha mostrato pesticidi rilevabili.
  • Le prime sette colture di Clean Fifteen sono risultate positive per tre o meno pesticidi su un singolo campione.
  • Quasi il 70% dei campioni di frutta e verdura Clean Fifteen non ha residui di pesticidi.
Iscriviti alla newsletter