Cicloturismo, per l’estate 2020 si prevede il boom di vacanze in bici

Il cicloturismo sarà protagonista della prossima stagione estiva all’insegna della Low Touch Economy e della nuova normalità in epoca Covid-19. Tanti i viaggiatori che sceglieranno la bicicletta per le loro vacanze

586
© Pixbay

L’estate 2020 potrebbe essere all’insegna del cicloturismo. La previsione arriva dal rapporto 2020 stilato da Isnart-Unioncamere e Legambiente, che hanno fatto il punto sull’andamento del settore nel 2019 e analizzato in prospettiva quelle che sono le attuali condizioni dettate dalle misure anti-Coronavirus.

Secondo le analisi presentate il cicloturismo rappresenta una delle possibilità di vacanza più in linea con la “Low Touch Economy“, scaturita dalle misure di sicurezza adottate per contenere la pandemia di Coronavirus. L’utilizzo della bicicletta, che consente di risparmiare l’emissione di 1,5 milioni di tonnellate di CO2 ogni anno, rappresenta una risposta ideale al bisogno di rigenerarsi dopo una fase di disagio.

“Nell’attuale situazione di crisi determinata dall’emergenza Covid occorre ricercare anche prospettive di opportunità e lo sviluppo del cicloturismo è sicuramente tra queste – commenta Roberto Di Vincenzo, presidente Isnart – È quindi importante introdurre incentivi alla smart mobility e agli acquisti di mezzi di mobilità alternativa che tanto più saranno diffusi anche in modalità cittadina, tanto più estenderanno il loro impatto positivo su un segmento del comparto turistico ad alto potenziale di sviluppo, di grande interesse per i flussi internazionali e altamente qualificante per il Paese sotto i profili dell’attenzione all’Ambiente e alla Sostenibilità”.

Il cicloturismo esprime i caratteri distintivi della Low Touch Economy – sicurezza, salute, distanziamento, corto raggio – ed è un candidato d’eccellenza alle esigenze di “nuova normalità” per il superamento dell’emergenza coronavirus.

Lo scorso anno il cicloturismo ha prodotto 20,5 milioni di pernottamenti, limitando il conteggio ai soli cicloamatori italiani, mentre per il 2020 le prospettive potrebbero essere anche più rosee (25,9 milioni, +26% rispetto al 2019). Estendendo il calcolo anche ai turisti stranieri si tocca quota 55 milioni di pernottamenti (6,1% del totale), per un volume d’affari di circa 4,7 miliardi di euro (75 euro la spesa media giornaliera a persona).

Stando alle indicazioni fornite dai tour operator specializzati la vacanza media in cicloturismo è di 7 notti (costo circa 900 euro), con base fissa oppure itinerante. È il Trentino-Alto Adige la Regione che attira il maggior numero di cicloturisti, con un bilancio di 16 milioni di pernottamenti (15% del bilancio globale) per un costo medio giornaliero di 73,5 euro. Ad attirare i ciclovacanzieri sono soprattutto i 3.256 km di percorsi cicloturistici.

Leggi anche: Bonus bicicletta e monopattini, fino a 500 euro di sconto sull’acquisto

Secondo la ricerca le ciclovie di maggior successo tra i cicloamatori sono: Trieste-Lignano Sabbiadoro-Venezia (43%), Ciclovia del Garda (43%), Ciclovia Tirrenica “Liguria-Toscana-Lazio” (29%), Ciclovia Adriatica (29%) e Ciclovia dell’Acquedotto Pugliese (29%). Ha concluso Giorgio Zampetti, direttore generale Legambiente:

“Le cifre del rapporto dimostrano ancora una volta, se mai ce ne fosse stato bisogno, come il cicloturismo possa rappresentare una risposta utile alla crisi che stiamo attraversando. È utile dal punto di vista sanitario, per le distanze e l’attività motoria che prevede, è utile dal punto di vista ambientale per dare risposte alla crisi climatica, è utile all’economia vista la quantità di risorse che movimenta. Infine è utile per fare rete sui territori: niente meglio di un percorso cicloturistico connette attrattori e operatori favorendo quella virtuosa sinergia di cui il Paese ha bisogno”.

Intanto, la FIAB – Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta – mette a disposizione delle aziende un decalogo con utili indicazioni per rendere i luoghi di lavoro bike-friendly così da incentivare il bike-to-work tra i lavoratori. Cosa serve per chi sceglie di andare al lavoro in bici? Parcheggiare in sicurezza e potersi cambiare, ma occorre anche motivare con adeguata comunicazione e incentivi mirati.

“Anche l’OMS raccomanda di muoversi in bicicletta per garantire il distanziamento sociale e mantenersi in salute – ricorda Alessandro Tursi, presidente FIAB – Senza salute, come abbiamo visto, non c’è economia né ripresa. Ecco perché tendiamo la mano alle aziende per accompagnarle nelle politiche di responsabilità sociale.  Aziende e Sindacati assieme possono fare la propria parte per il comune obiettivo del benessere dei lavoratori e della comunità”.