Turismo slow: in viaggio con le emozioni alla fiera di Padova

Dal 31 gennaio al 2 febbraio a Padova si svolgerà "Itinerando", la prima fiera del turismo esperienziale e sostenibile

1466

Dal 31 gennaio al 2 febbraio la Fiera di Padova “Itinerando” racconterà un nuovo concetto di viaggio: riscoprire il piacere dell’avventura, della fruizione estetica del paesaggio e del rilassante ritmo del lento assaporare en plein-air. È un turismo che coniuga le bellezze naturali e le scoperte dell’enogastronomia, non tralasciando però un’indagine attenta del territorio e delle variegate particolarità regionali.

La madrina dell’evento, la conduttrice Licia Colò, inaugurerà la fiera sabato 1 febbraio alle ore 12, al termine del Talk “Il viaggio è vita”. E molti saranno i Talk durante le varie giornate: un’occasione di confronto e di proposta in cui condividere le diverse esperienze di viaggio a ritmo slow.

Durante la manifestazione fieristica saranno prese in considerazione quattro sezioni, dedicate alle diverse tipologie di itinerario: “CamperExperience” è il settore dei viaggi in camper e campeggio; “BoatExperience” è rivolta al turismo nautico e subacqueo; “BikeTravel” propone spunti per l’emergente cicloturismo; “Destinazioni”, invece, ha come argomento gli itinerari naturalistico-culturali a passo lento e gli agriturismi.

Le mete proposte sono alternative e quasi sconosciute al turismo di massa e, soprattutto, prevedono la possibilità di raggiungere luoghi incontaminati e distanti dalle normali rotte stradali e autostradali.

Grande rilievo ha, inoltre, lo spazio dedicato ai treni turistici: la Fondazione FS Italiane farà conoscere gli itinerari da fare a bordo dei treni storici lungo le più spettacolari linee ferroviarie italiane. Un modo per scoprire gli usi e costumi regionali, i piatti della cucina locale e antichi mestieri, dagli impagliatori di sedie ai fabbricanti di pantofole. Il treno turistico è un settore che sta acquisendo sempre più importanza e il 2020 sarà per l’Italia l’Anno Nazionale del treno turistico.

Ospite d’eccezione sarà l’inviato di “Striscia la notizia” e acrobata delle due ruote, Vittorio Brumotti, che il 31 gennaio si farà riconoscere tra gli stand, invitando gli operatori a raccontare le loro proposte di viaggio, trasmesse direttamente su un led wall posto al centro della fiera; Patrizio Roversi di “Turismi per caso”, invece, presenterà alcune destinazioni del turismo esperienziale durante la giornata dell’1 febbraio.

È previsto un incontro con Sergio Davì, skipper professionista e gommonauta esperto di navigazione oceanica d’avventura, che racconterà le sue avventure e la sua ultima impresa che l’ha portato da Palermo a New York.

Il luogo dell’innovazione è “Innovation Village”, un villaggio aperto a startup, centri di ricerca e aziende in cui sarà possibile confrontarsi e creare occasioni di networking e business tra aziende affermate e emergenti. L’attività del Village terminerà con la finale dello Startup Award: le startup partecipanti si presenteranno davanti a una giuria di esperti che alla fine sceglierà la migliore.

Gli itinerari esperienziali attraggono un numero sempre crescente di turisti: se fino a qualche tempo fa la scelta delle mete era legata essenzialmente alla possibilità di conoscere prodotti tipici dell’enogastronomia, oggi i gusti dei viaggiatori sono maggiormente orientati verso la ricerca dell’avventura, il piacere di scoprire luoghi fuori dai comuni percorsi turistici, l’opportunità di immergersi a livello sensoriale nella natura e nella cultura. Il nuovo turista sente la necessità di poter muoversi nel mondo senza vincoli: viaggiare in bici o in camper lasciano aperta la possibilità di cambiare rotta, di ricreare continuamente l’itinerario e di scoprire inconsapevolmente patrimoni nascosti e non segnalati sulle carte ufficiali del turismo comune.

È indescrivibile la piacevole sensazione di chi, girando per i boschi, si trova davanti all’improvviso una chiesetta rurale, uno scorcio panoramico sulla valle o un rifugio montano.

Il turismo del domani ha bisogno di tempi indefiniti, di pause, di silenzi. Vagare senza meta per ritrovare il mondo dentro il proprio animo.

Iscriviti alla newsletter


Sostieni SmartGreen Post con una donazione!