Come proteggere i capelli in estate rispettando l’ambiente

L'estate è la stagione più difficile per i nostri capelli: mare, lavaggi frequenti e uso del phon sono uno stress perciò è importante seguire una beauty routine che li mantenga morbidi e sani più a lungo

1110

La stagione estiva, tanto attesa per il caldo, il mare e le sospirate ferie, è la stagione più difficile per i nostri capelli, che vanno incontro a uno stress maggiore che si ripercuote sull’effluvio autunnale. Spesso in autunno, riguardo ai nostri capelli, ci poniamo domande e facciamo affermazioni del tipo:

  • Perché ho i capelli grassi?
  • Ogni giorno debbo farmi lo shampoo…;
  • Perché ho i capelli secchi e sfibrati?
  • Devo cambiare taglio…;
  • Perché devo dare più volume ai capelli?
  • I miei capelli sono troppo fini…;
  • Perché i capelli non mi crescono più come una volta?
  • Perché ho molti meno capelli rispetto a quando ero giovane?

Problemi reali con i quali ci confrontiamo ogni anno e che possiamo ridurre iniziando a prenderci cura della nostra chioma già in estate, con prodotti naturali che rispettino l’equilibrio del capello e l’ambiente.

Con l’aumentare del caldo e della sudorazione i capelli hanno bisogno di essere lavati più spesso. La prima accortezza è quella di scegliere uno shampoo meno aggressivo. Anche se in inverno abbiamo i capelli grassi, unti e lucidi (non lucenti), in estate la produzione di sebo diminuisce e i capelli tendono a diventare più secchi. Il normale aumentare dei lavaggi ci aiuterà a rimuovere il poco grasso in eccesso rimasto quindi non dovremmo usare uno shampoo troppo “sgrassante” come in inverno ma uno più delicato.

Il “più delicato” non riguarda solo i tensioattivi che compongono la base lavante dello shampoo ma soprattutto i principi attivi che detergono e proteggono il cuoio capelluto e il capello. Per assurdo chi ha i capelli grassi in estate, e in particolare se è al mare, potrebbe tranquillamente usare uno shampoo per capelli secchi perché il caldo, la salsedine e il vento avranno già totalmente tolto il sebo in eccesso dal cuoio capelluto e dai capelli.

Maggiori lavaggi si traducono in maggiore stress meccanico: più phon, pettine, spazzola e piastra. In questo caso è bene proteggere i capelli soprattutto dal calore del phon e della piastra. Un piccolo accorgimento è quello di utilizzare una buona maschera da applicare dopo lo shampoo.

La maschera deve potersi sostituire al balsamo per la pettinabilità del capello e deve avere dei principi attivi che permettano di fortificarlo dal bulbo. Per capelli trattati in modo naturale, è bene scegliere prodotti a base di estratti del mallo di noce, dell’eruca sativa e della vite, che hanno anche un potere filmante e rendono il capello docile al pettine e lucente.

Anche il cloro delle piscine e la salsedine rendono i capelli estremamente secchi e opachi, per questo è importante sciacquarli con acqua dolce dopo il bagno in mare o in piscina e proteggerli prima del bagno. Esistono in commercio molti oli per proteggere i capelli dall’eccesso di sole, dai bagni in mare e dai bagni in piscina. In questo caso bisogna preferire degli oli esclusivamente vegetali che hanno un impatto meno devastante quando vengono rilasciati dell’ecosistema marino o nelle falde acquifere.

Per una scelta ecosostenibile vi consigliamo di evitare oli contenenti siliconi. Se si tratta di siliconi volatili, evaporeranno con l’aumentare della temperatura e non proteggeranno più di tanto i capelli. Nel caso dei siliconi pensanti, invece, galleggeranno per un po’ di tempo sulla superficie del mare finché i cosiddetti “pesci spazzini” non avranno ripulito il mare. Utilizzare prodotti naturali, quindi, significa non solo proteggere meglio noi stessi ma anche l’ambiente.

Iscriviti alla newsletter


Sostieni SmartGreen Post con una donazione!