Derivati naturali in cosmetica: sono veramente efficaci? I test dicono di sì

I principi attivi derivati dalle piante hanno una grandissima efficacia, spesso più di quelli sintetizzati in laboratorio. Scopriamo i più importanti per la cura dei capelli

327

La natura è un valido alleato quando si parla di bellezza. In cosmetica è sempre più frequente l’utilizzo di derivati naturali, che stanno sostituendo i composti chimici nella formulazione di molti prodotti, per garantire cosmetici ecosostenibili, rispettosi dell’ambiente e della salute umana, ma soprattutto efficaci.

L’Italia, in modo particolare, rappresenta un’eccellenza nel campo della cosmesi naturale e della formulazione di attivi derivati dalle piante. Tuttavia, affinché un prodotto realizzato con ingredienti naturali sia veramente efficace è necessario che i principi attivi siano presenti in giusta quantità e non rappresentino soltanto uno slogan pubblicitario per vendere di più.

Parlando di cura dei capelli, la natura ci ha fornito tre principi attivi che, combinati, svolgono un’intensa azione fortificante più efficace, secondo gli studi, dei principi attivi riprodotti in laboratorio. Ma, prima di scoprire quali sono, facciamo un passo indietro necessario per comprendere come e perché risultano così validi.

Il ciclo di vita del capello è mediamente compreso tra 2 e 7 anni. Ogni follicolo produce un nuovo capello, che cresce in un susseguirsi di cicli fino a cadere. Il ciclo si compone di tre fasi: anagen, catagen e telogen. Il periodo nel quale il capello cresce attivamente è detto fase anagen e dura da 1 a 3 o 4 anni. Durante questo stadio il bulbo pilifero, localizzato alla base del follicolo, si rigenera e produce la fibra del capello.

In seguito ha inizio la fase catagen o transitoria, che ha una durata compresa tra le 2 e le 3 settimane. Si tratta dello stadio conclusivo della produzione della fibra del capello ed è in questo momento che il follicolo si ritira dalla superficie del cuoio capelluto. Qui il capello smette di crescere e rimane in questo stato per alcune settimane, per poi entrare nello stadio di riposo.

La terza e ultima fase del ciclo vitale del capello è chiamata telogen e corrisponde al periodo di riposo. Il capello non cresce più, ma rimane attaccato al follicolo per circa 3 mesi, al termine dei quali cade durante il lavaggio o quando lo spazzoliamo. Può allora cominciare una nuova fase anagen.

Dunque, i nostri capelli non crescono in modo continuo ma per cicli successivi. Nella fase di crescita, ogni follicolo produce un nuovo capello, per un totale di cicli compreso tra i 25 e i 30 nel corso di una vita.

I prodotti cosmetici sono efficaci soltanto quando il capello è ancora vivo, ovvero durante la fase anagen che, grazie all’utilizzo di shampoo, maschere e lozioni mirate, può essere allungata per rendere i capelli più forti e aumentarne la vita.

La natura ci ha fornito tre principi attivi che combinati svolgono quest’azione egregiamente, al pari, se non meglio, dei principi attivi riprodotti in laboratorio. Questa miscela è composta da tre ingredienti tutti italiani: insalata di rucola a foglie fresche; frutta da noci verdi raccolte in Veneto; coltura di cellule staminali ottenuta da uve verdi non mature raccolte in Emilia-Romagna, per un Inci così composto:

  • Principi attivi:
    • Vitis vinifera Fruit Meristem Cell Culture, Hydrolyzed Eruca sativa Leaf, Hydrolyzed Walnut Extract;
  • Solvente:
    • Aqua;
  • Agente tampone e preservanti:
    • Citric Acid, Sodium Benzoate, Potassium Sorbate.

Su questa miscela sono stati effettuati test in vitro ed in vivo, di pubblico dominio, che sinteticamente riportano quanto segue:

1. Gli studi in vitro hanno dimostrano come già dopo 24 ore di trattamento si abbia un effetto proliferativo sul campione di cellule preso come riferimento. I componenti della miscela sembrano esercitare sulle cellule follicolari della papilla dermica due effetti diversi: una stimolazione più rapida grazie al contributo della rucola e delle cellule staminali derivate dall’uva, e un effetto di stimolazione più a lungo termine fornito dall’estratto di noce verde.

2. Gli studi in vivo sono stati effettuati dall’Università di Sassari su un campione di 15 soggetti maschili e femminili, di età compresa dai 18 ai 65 anni, colpiti da Alopecia, che ha causato un diradamento dei capelli lieve o moderato. Il test ha avuto una durata di 21 giorni ed il risultato è stato la riduzione della perdita dei capelli del -21,3% in 21 giorni e del -38% in 60 giorni.

Questi studi dimostrano che la natura fornisce le risposte per rafforzare i nostri capelli. Applicare una volta a settimana un balsamo, o preferibilmente, una maschera per capelli contenente questi principi attivi, massaggiarla sul cuoio capelluto con i polpastrelli e tenerla in posa almeno cinque minuti, favorirà il rafforzamento del capello nella sua fase anagen e il prolungamento di tale fase.

Sul mercato esistono svariati prodotti cosmetici che contengono questa miscela ma, affinché sia realmente efficace, deve avere una concentrazione pari almeno al 3%. Come facciamo a saperlo? Basta leggere l’Inci del prodotto: se le denominazioni Hydrolyzed Eruca sativa Leaf e Hydrolyzed Walnut Extract si trovano tra i primi ingredienti, allora il prodotto funziona. Un’altra considerazione possibile, a tutela dell’ambiente, è scegliere prodotti che oltre questa miscela non contengano siliconi e derivati del petrolio.

Oltre a questa miscela ne esistono molte altre di derivazione naturale, sottoposte a studi di efficacia, che svolgono in maniera ecosostenibile la funzione cosmetica per la quale sono state studiate. Ne parleremo nei prossimi articoli.