A Milano nasce un’autostrada per le api, la via fiorita più lunga d’Italia

Un percorso di 3,5 km dove le api potranno nutrirsi e riprodursi

540

A Milano nascerà un’autostrada per le api, un percorso fiorito di ben 3,5 km che si appresta a diventare il più lungo d’Italia nel suo genere. Un corridoio profumato che attraverserà da Nord-Ovest a Sud-Ovest il Parco Nord di Milano e sarà una vera e propria “autostrada per le api”.

Sono iniziati pochi giorni fa i lavori che porteranno alla realizzazione del percorso. Sarà un viale bellissimo fatto di colori e profumi, grazie alla presenza di 3000 piante perenni e oltre un milione di fiori. Un luogo perfetto per le api che qui avranno la possibilità di trovare l’ambiente adatto per vivere e riprodursi.

L’idea di Milano non è nuova. A Londra è già stata realizzata una strada per le api ma anche altre città europee stanno sperimentando corridoi del genere per tutelare i preziosi insetti impollinatori, minacciati dall’uso di pesticidi e dalla scomparsa del loro habitat naturale.

Il progetto, che si è iniziato a realizzare grazie al crowfounding a cui hanno partecipato aziende e cittadini, ha già visto la rimozione di circa 400 mq di cemento ma ovviamente c’è ancora molto da fare per rendere questa grigia zona del parco un paradiso per le api.

Fin dagli anni ’80 il Parco Nord è stato uno straordinario esempio di decementificazione e decompressione dei suoli. Nel corso di 3 decenni infatti sono stati deimpermeabilizzati ben 112mila metri quadrati di suolo pubblico. Al netto delle piste ciclabili e dei parcheggi, il bilancio complessivo della decementificazione è positivo per oltre 27mila metri quadrati, tutti interamente restituiti alla natura.

La nuova “autostrada per le api” sarà un altro tassello per arricchire il Parco Nord. “Dalla fine degli anni Zero in tutta Europa si registra una preoccupante diminuzione del numero di api a causa dell’uso di pesticidi e della riduzione dei loro habitat, e questo ha già provocato importanti danni agli ecosistemi naturali e all’agricoltura”, fa sapere il Parco Nord. L’obiettivo dei dirigenti del polmone verde di Milano è quello di tutelare e incrementare il numero delle api e, così facendo, rendere più belli e ecologicamente più stabili gli ecosistemi, ma anche favorire gli orti sociali. Volando di fiore in fiore, le api infatti consentono l’impollinazione e aiutano la riproduzione di molte specie di piante coltivate e spontanee.

Come stanno facendo anche altre metropoli europee, il Parco Nord ha iniziato da qualche anno a realizzare aree ricche di fiori per attirarle, nutrirle, e favorire il loro incessante lavoro. L’obiettivo della strada fiorita è quello di riconnettere le aiuole già realizzate e collegare i due apiari condivisi di circa 15 arnie, condotti da una cinquantina di cittadini volontari, realizzati uno all’Orto Comune Niguarda e l’altro alla Cascina Centro Parco.