Estate 2020, le vacanze si faranno in bicicletta: gli itinerari più belli d’Italia

Distanziamento sociale e voglia di natura guideranno le scelte degli italiani per l'estate. Protagonista sarà la bicicletta: ecco i posti da visitare per vacanze davvero indimenticabili.

1355
© Pixbay

Distanziamento sociale e norme per evitare la diffusione del Covid-19 sembrano mettere a dura prova le nostre vacanze. Ma il turismo lento offre moltissime opportunità di scelta, che gli italiani e non solo stanno prendendo in seria considerazione.

L’escursionismo e il cicloturismo, insieme alla possibilità di muoversi attraverso piccoli borghi poco conosciuti e da esplorare, saranno con buona probabilità il trend dell’estate 2020. La vacanza in bicicletta potrebbe essere davvero una buona scelta: permette il distanziamento sociale, consente di svolgere attività fisica e all’aria aperta e, infine, è una forma di turismo ecologica!

Coloro che hanno già fatto esperienza di un viaggio in bici, sanno che il percorso è ricco di sorprese e soddisfazioni; andare al proprio ritmo nei vari paesaggi naturali, assaporare la bellezza dei paesaggi e avventurarsi in paesi da scoprire in continua sintonia e armonia con il territorio sono esperienze di innegabile emozione e ineguagliabile soddisfazione.

Si possono organizzare itinerari per tappe di più settimane o di pochi giorni; non sono importanti le grandi distanze: talvolta grandi tesori sono nascosti dietro l’angolo! Ovviamente bisognerà calibrare i chilometri da percorrere e la tipologia di strade in base alla propria competenza e capacità fisica, tenendo conto del fatto di essere più o meno allenati a questo tipo di attività.

Selezionando l’itinerario, bisogna aver cura di stabilire delle tappe sostenibili, garantendo delle pause adeguate per riposare e per iniziare ad esplorare le varie mete. È bene attrezzarsi per la notte prenotando presso b&b, hotel e campeggi bike friendly; in alcuni casi possono essere messi a disposizione attrezzi per la manutenzione o ciclofficine, soprattutto se situati lungo i percorsi ciclabili. In questo senso si è mossa la regione Abruzzo, che ha recentemente lanciato il progetto Abruzzo Bike Friendly, mentre in Alto Adige sono presenti i Bikehotels, dove biker esperti forniscono consulenza e consigli per gestire al meglio il viaggio.

Nonostante le difficoltà legate alla pandemia, sono già disponibili online diverse idee di viaggio in Italia, tra i Colli Euganei, sul Lago di Garda, la ciclabile dell’Adige. L’Italia ha una rete di piste ciclabili, ciclovie e sentieri di oltre 90mila km e sono tante le regioni da scoprire spostandosi a pedali.

L’Emilia Romagna è attraversata dalla Ciclovia del Sole, la parte italiana di una delle più importanti ciclabili europee, che va da Crevalcore fino al confine con la Toscana, sfruttando le piste esistenti e le strade secondarie del capoluogo. Nella città felsinea si sta lavorando alla Bicipolitana, che sarà completata nel 2030 e collegherà la città ai centri abitati circostanti.

In Trentino la pista ciclabile della Val di Sole costeggia il percorso del fiume Noce; il percorso non è impegnativo ed è reso agevole dalla presenza del Bike Train, per caricare la bici, e dei Bike Bus. Il Piemonte offre diversi itinerari nel Monferrato; in particolare, l’itinerario che attraversa i Parco del Po passa attraverso argini, boschi e risaie fino alle prime alture del Monferrato.

L’Anello ciclabile dei Colli Euganei è un tour dalle mille sfaccettature che conduce il turista tra archeologia, arte e natura; l’area è interessata dalla presenza di molteplici specie floristiche e una grande varietà faunistica che si potranno osservare grazie ad un sistema di passerelle pensili in legno.

Tra i percorsi abruzzesi vale la pena di citare il Bike to Coast, lungo 130 km, che ricalca la costa abruzzese e ha dei punti di eccellenza nel tratto della Costa dei Trabocchi (giganti di legno usati per la pesca) e nel tratto che attraversa l’antica regione della Marsica; quest’ultimo parte da Carsoli ed è costellato di borghi medievali, grotte naturali e splendidi siti archeologici, come quello dell’antica Alba Fucens.

Il progetto Marche Outdoor, con i suoi ventiquattro percorsi ciclabili, regala un’ottima esperienza a chi voglia immergersi nella natura; i percorsi ad anello collegano la montagna al mare e fanno incontrare eremi, grotte, gole, cascate e laghi.

Tra le colline del Chianti e della Val d’Orcia o lungo le coste e le vallate si snodano i molteplici itinerari ciclabili della Toscana, dove sarà possibile scoprire non solo paesaggi, ma anche cultura, cibo e buon vino locali.

Con i suoi calanchi e le strade sul mare anche la Basilicata ha aperto le sue frontiere al cicloturismo; uno dei sentieri parte da Rotonda e arriva nel cuore del Parco Nazionale del Pollino fino a Terranova del Pollino. Durante il tragitto si incontrano alcuni paesi di cultura arbereshe, dove anche le strade e i cartelli sono scritti in doppia lingua e potranno essere scoperte usanze e cibi particolari.

Partendo, invece, da Castelmezzano si potrà vivere un’esperienza cicloturistica con bici elettrica: si arriva alla vetta del Monte Caperrino e si passa dal punto panoramico di Tempa delle Forche; il percorso include un breve trekking verso maestosi alberi monumentali e alla scoperta della storia e del paesaggio del luogo.

Le mete sono molte e tutte davvero interessanti; non resta che salire in sella e partire verso una nuova esperienza!