Cinque modi per rendere le città più salutari e sostenibili

Metà della popolazione mondiale vive in città e il numero è destinato a crescere. La FAO ha stilato un elenco di cinque punti per combattere gli sprechi e vivere in modo sano

341

Oltre la metà della popolazione mondiale ora vive nelle città ma il numero è destinato a salire al 68% entro il 2050. Le città sono già responsabili del 70% dei rifiuti globali e consumano quasi l’80% dell’energia mondiale. Sebbene questa rapida urbanizzazione sia stata il catalizzatore di soluzioni innovative in molte aree, tra cui alloggi, trasporti e infrastrutture, un fattore chiave viene spesso trascurato: la sicurezza alimentare e la nutrizione.

La vita in città spesso genera scelte alimentari sbagliate. Le aree urbane sono anche una delle principali fonti di spreco alimentare. L’espansione urbana incontrollata si sta verificando anche a scapito delle risorse naturali e degli spazi verdi, aumentando la vulnerabilità delle comunità urbane agli effetti dei cambiamenti climatici. Se vogliamo creare città sane e sostenibili per le generazioni future, dobbiamo rivalutare il modo in cui funzionano le nostre città. L’agenda alimentare urbana della FAO sostiene i responsabili politici a livello globale per incorporare i sistemi alimentari nella pianificazione urbana.

Ecco cinque modi in cui possiamo rendere le città più sane e più sostenibili.

1. Promuovere l’agricoltura urbana

Quando si pensa all’agricoltura, la maggior parte delle persone pensa alle aree rurali. Ma lo sapevi che oltre 800 milioni di persone nel mondo praticano l’agricoltura urbana?

Preservando i terreni agricoli nelle aree urbane, possiamo accorciare le catene di approvvigionamento e la quantità di CO2 emessa durante il trasporto degli alimenti dalle aree rurali a quelle urbane. La produzione e la vendita di più alimenti freschi all’interno della città stessa può ridurre l’impatto ambientale della distribuzione alimentare, aumentare le opportunità di catene di approvvigionamento locali inclusive e migliorare l’accesso a cibi nutrienti, ad esempio attraverso i mercati degli agricoltori.

2. Incoraggiare diete sane

Gli stili di vita e le abitudini alimentari sono fortemente influenzati dai tipi di cibo disponibili e dalla loro convenienza. Nelle città in cui c’è un’ampia scelta di fast food e opzioni di convenienza, il cibo disponibile è spesso denso di energia e altamente elaborato. Questa è una tendenza in crescita. Nei paesi a reddito medio-basso, il consumo di alimenti trasformati con scarso valore nutritivo è aumentato del 5,45% all’anno tra il 1998 e il 2012. I governi nazionali e le amministrazioni cittadine dei paesi in via di sviluppo affrontano il problema di dover affrontare la denutrizione, ma anche gli effetti sulla salute di obesità che sta aumentando a un ritmo allarmante.

3. Riduzione e gestione dello spreco alimentare

Le persone nelle aree urbane consumano fino al 70% dell’approvvigionamento alimentare globale, ma la maggior parte viene buttata via. Sebbene le cause dello spreco alimentare varino da una regione all’altra del mondo, una pianificazione alimentare generalmente inadeguata, imballaggi inadeguati, conservazione impropria e pratiche culturali contribuiscono al problema.

Inoltre, i rifiuti alimentari che non vengono riciclati o riutilizzati stanno riempiendo le discariche. Lì si decompone e genera metano, un gas serra più dannoso per il pianeta della CO2. Questo scenario non è solo uno spreco di cibo, ma anche uno spreco di energia, denaro e risorse naturali come terra e acqua che vengono utilizzate per produrre e trasformare il cibo. Le misure a livello cittadino per recuperare cibo sano e nutriente e ridistribuirlo attraverso enti di beneficenza e banche alimentari, compostare o utilizzare cibo scartato per generare energia possono avere un impatto enorme nella riduzione dello spreco alimentare.

4. Promuovere gli spazi verdi per ambienti più sani e migliori stili di vita

Mentre le aree urbane continuano ad espandersi, gli spazi verdi stanno scomparendo. Più che un semplice aspetto estetico, alberi e aree verdi sono essenziali per migliorare la qualità dell’aria, mitigare le temperature urbane, incoraggiare l’attività fisica e migliorare la salute generale. L’inquinamento atmosferico, l’aumento delle temperature locali e gli stili di vita sedentari possono aumentare la probabilità di malattie cardiovascolari e respiratorie, obesità e alimentare la diffusione di nuovi agenti patogeni.

I sistemi alimentari devono essere pianificati e gestiti insieme all’ambiente verde, al fine di contenere l’inquinamento, incoraggiare diete sane e l’attività fisica. A Los Angeles, ad esempio, i ricercatori hanno scoperto che più parchi ci sono nel raggio di 500 metri dalla casa di un bambino, più basso sarà l’indice di massa corporea (BMI) del bambino all’età di 18 anni.

5. Ricollegare le città con le aree rurali circostanti

Le città e le aree urbane non funzionano isolate dalle aree rurali. In effetti, sono fortemente dipendenti dalle regioni rurali che li circondano. Le città fanno molto affidamento sulle aree rurali vicine per il cibo, la forza lavoro, l’approvvigionamento idrico e lo smaltimento dei rifiuti alimentari. Ciò aiuta a garantire un approvvigionamento di cibo sano, sicuro e nutriente, promuovendo anche l’accesso al mercato per gli agricoltori rurali e creando posti di lavoro all’interno del sistema alimentare.